‘Oltre 6.3’, consegnata alla città la ‘stele della memoria’

di Michela Santoro | 06 Aprile 2023 @ 00:48 | ANNIVERSARIO
stele della memoria
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La ‘stele della memoria’. Un’opera che accoglie le persone alla visita del Memoriale con un messaggio di speranza tutto racchiuso in quel voler guardare oltre un numero che rappresenta il grado della scala Richter registrato da quel sisma di quattordici anni fa.

E’ la stele ‘Oltre 6.3‘ posizionata all’ingresso del Parco della Memoria e realizzata in acciaio corten, lo stesso di quello posto al centro del monumento alle vittime del terremoto, inclinata di 6.3 gradi proprio a riproporre simbolicamente un numero che è impresso nella memoria di chi ha vissuto la tragica notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009. 

Da un progetto del Professore di Decorazione Franco Fiorillo, l’opera,  rappresenta il “crocus” il fiore di zafferano, identitario del territorio aquilano,  immagine scelta dal Comune dell’Aquila quale simbolo di una tragedia che non può e non deve essere dimenticata;  la stele è stata traforata e lavorata dal Impresa Iannini dell’Aquila che l’ha donata alla città.

L’opera, disvelata dal Presidente del Senato Ignazio  La Russa e dal Sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, nel corso di una cerimonia che si è tenuta questo pomeriggio al Parco della Memoria.

 

Stele 6.3

Il Prof. Franco Fiorillo e il Presidente dell’Accademia di Belle Arti, Rinaldo Tordera

“È importante esserci perché L’Aquila è la casa del Consiglio regionale e l’Emiciclo è rinato insieme a questa città. Ci siamo per i familiari, con lo stesso dolore e la stessa vicinanza”.

Sono le parole del presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Lorenzo Sospiri, alla vigilia del quattordicesimo anniversario del terremoto dell’Aquila, del 6 aprile 2009.

Oggi e domani l’Abruzzo e l’Italia si fermano a celebrare la memoria delle 309 vittime”


Print Friendly and PDF

TAGS