Nursing Up, De Palma: “Oltre 1000 infettati in più nelle ultime 24 ore”

di Redazione | 29 Dicembre 2021 @ 13:36 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
De Palma
Print Friendly and PDF

Il Presidente Nazionale del Nursing Up Antonio De Palma commenta i dati sul covid con preoccupazione. “Solo il 28 dicembre eravamo a 6904, ora siamo a 8001! Si registrano ben 1097 operatori sanitari infettati in più. Questo significa oltre 800 infermieri in 24 ore. E poi ci preoccupa non poco la percentuale di aumento dei ricoveri, siamo al 20%, dato che pesa come un macigno insostenibile sulle spalle dei nostri infermieri, alle prese con un fragilissimo sistema sanitario, ingabbiati tra precariato, turni massacranti e carenza di personale che rischia di toccare di nuovo quell’acme di 80-85 mila unità in presenza di una crescita così esponenziale dei ricoveri. Guai a prendere sotto gamba questa quarta ondata, continua il leader del sindacato. La gravità di una nuova emergenza come quella attuale non si misura solo dal tasso di mortalità del virus, parametro che continuiamo a sentir richiamare costantemente  in questi giorni. E’ pur vero che Omicron provoca meno decessi rispetto alle prime variabili, e che il quadro generale della patologia non si compara con quello delle varianti precedenti, ma non vanno sottovalutati quegli effetti che una malattia, una infezione come questa, può comunque generare nell’organismo umano, anche allo stato attuale ed anche andando avanti nel tempo continua De Palma

“Vogliamo poi passare un colpo di spugna, continua De Palma, sui recenti dati del Ministero della Salute, che indicano in 14 milioni i malati cronici in Italia? Siamo di fronte a una cifra considerevole, specchio di un Paese con una bassissima natalità e con una popolazione destinata sempre di più ad invecchiare. Ma non possiamo dimenticare che gli infermieri sono persone, uomini e donne, e come tali esiste per loro il rischio concreto di sviluppare disagio mentale e psicologico, ovvero condizioni alterate come stato emotivo di frustrazione, senso di impotenza, mancanza di efficacia personale, rabbia con depressione, sintomi e stato di ansia con somatizzazioni, come l’insonnia”, conclude De Palma.

 
 
 

Print Friendly and PDF

TAGS