Nuova legge urbanistica, comincia l’iter in consiglio regionale

di Alessio Ludovici | 08 Febbraio 2023 @ 06:00 | POLITICA
La settimana politica all'emiciclo
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Approvata ai primi di gennaio in giunta regionale, comincia il suo iter consiliare il Pdl per la “Nuova Legge Urbanistica” abruzzese. A presentarla in commissione territorio l’assessore Nicola Campitelli.

Il progetto di legge riforma la disciplina urbanistica della Regione Abruzzo, “allo scopo di fornire uno strumento normativo non solo aggiornato alla normativa recente, ma adeguato alle diverse esigenze sociali ed economiche, modificatesi radicalmente negli ultimi 50 anni, facendosi interprete di quell’indirizzo riformatore ormai affermatosi presso la quasi totalità delle Regioni italiane”. Queste le intenzioni. 

L’ultima legge organica, seppur modificata nel tempo, risale del resto al 1983. Precedentemente si era tentata la strada di corpose modifiche della legge 18 dell’83, poi dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale. 

Ricorderete che il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, nel dicembre scorso aveva deciso di impugnare la legge n. 29 del 13/10/2020, recante “Modifiche alla legge regionale 12 aprile 1983 n. 18 (Norme per la conservazione, tutela, trasformazione del territorio della Regione Abruzzo), misure urgenti e temporanee di semplificazione e ulteriori disposizioni in materia urbanistica ed edilizia”

“La principale esigenza – si legge nella relazione introduttiva – è quella di distaccarsi dai modelli che, fondati su uno sviluppo basato sul consumo del suolo, hanno comportato una significativa dispersione insediativa. I principi a cui si ispira sono quelli del “corretto uso e la tutela delle risorse territoriali ambientali e paesaggistiche”, del “contenimento del consumo dei suoli”, di “migliorare la qualità urbana promuovendo la perequazione, la compensazione urbanistica e misure premiali”, di “tutelare le aree agricole di rilevanza ambientale e la qualità degli spazi urbani” e “promuovere il contenimento del consumo energetico ed idrico, nonché il razionale sistema dimobilità e smaltimento di rifiuti”.

La nuova proposta è stata redatta da un gruppo di lavoro individuato dalla giunta con l’con l’apporto di professionalità esterne ed interne del Dipartimento Territorio-Ambiente

Nello specifico il progetto di legge si compone di sette Titoli suddivisi in capi e sezioni, per un totale di n. 103 articoli.

“La necessità di arrivare ad una legge urbanistica va avanti da oltre 20 anni – aveva commentato l’assessore – e le precedenti amministrazioni regionali non sono riuscite ad arrivare ad approvare un nuovo testo di legge in grado di riformare la legge 18/83 non più rispondente alle nuove esigenze del territorio”.  


Print Friendly and PDF

TAGS