Nuovo piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi

Novità nel nuovo Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2023-2025

di Redazione | 13 Luglio 2023 @ 15:27 | UTILI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Presidente della Giunta della Regione Abruzzo, Marco Marsilio e il Direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, Mauro Casinghini, hanno tenuto oggi una Conferenza Stampa per illustrare le novità contenute nel nuovo Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2023-2025.

Hanno partecipato all’incontro con la stampa anche esponenti dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri Forestale, del Comitato regionale Volontari di Protezione Civile.

Il nuovo Piano regionale per la lotta attiva agli incendi boschivi (Piano antincendio boschivo – AIB) prende forza dal Decreto del 5 luglio scorso adottato dal Presidente della Regione in qualità di autorità di Protezione Civile.

Marco Marsilio: “È stata condotta un’analisi della vulnerabilità a livello territoriale, tenendo conto dei molteplici fattori che caratterizzano il paesaggio abruzzese e approfondendo le dinamiche relative agli incendi di ultima generazione, ovvero fenomeni non sempre prevedibili e la cui entità viene amplificata, nelle dimensioni e negli effetti, dalle conseguenze dei cambiamenti climatici in atto: tra questi aspetti bisogna considerare le problematiche relative agli incendi di ‘interfaccia’, ovvero quelli che si sviluppano da un fuoco di vegetazione che si diffonde o può diffondersi nelle zone di contiguità con strutture urbane o antropizzate, determinando un rischio per l’incolumità pubblica”.

“Il Piano” ha aggiunto Casinghini, “riporta le linee di indirizzo per la pianificazione e la progettazione di interventi di prevenzione, fondamentali per diminuire la possibilità di innesco di focolari e per ridurre i carichi di combustibile vegetali in contesti mirati, al fine di rendere maggiormente gestibili gli stessi in caso incendio”.

Quindi, lo stesso Casinghini ha fornito i dati relativamente alla Campagna di contrasto agli incendi boschivi che è partita dal 10 luglio per terminare 17 settembre 2023:

ISTITUZIONI COINVOLTE:

Agenzia Regionale di Protezione Civile

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Carabinieri Forestale

Parchi Nazionali in Abruzzo

Enti Locali

Organizzazioni di Volontariato AIB convenzionate con l’Agenzia.

OPERATORI E MEZZI

35 Operatori Regionali si alternano in S.O.U.P.

8 DOS –  Direttore Operazione Spegnimento

20 COS – Coordinatori Operazioni di Spegnimento

40 Organizzazioni di Volontariato convenzionate con la Regione Abruzzo specializzate nell’antincendio boschivo

2 Elicotteri dedicati all’Antincendio Boschivo

1 Elicottero dedicato S-64 che staziona per tutto il periodo AIB presso l’aeroporto dei Parchi a Preturo (AQ) in aggiunta alla flotta aerea regionale

70 Mezzi Regionali con Moduli Antincendio

80 Veicoli convenzionati ed allestiti per l’antincendio delle Organizzazioni di Volontariato

3 Moduli elitrasportati HELISKID

1200 (circa) Operatori Antincendio Boschivo formati e dotati di DPI per l’AIB

Inoltre è stato raggiunto un accordo con il Comando Forze Operative del Sud e con la Prefettura dell’Aquila per disciplinare le modalità di attivazione del concorso del 9° Reggimento Alpini di stanza all’Aquila, i cui costi saranno a carico dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile.

“Rispetto ai dati degli scorsi anni che registrano una larga diffusione di fenomeni del genere su tutto il territorio regionale, a iniziare dalla stagione 2020-2021 ”ha concluso Marsilio“ il picco degli incendi si è quasi dimezzato: questo dato è il frutto di un lavoro serio su tutto il territorio e di una capacità di prevenzione che si è moltiplicata grazie alla scrupolosa formazione del personale e mettendo in campo un numero maggiore di direttori delle operazioni di spegnimento (DOS) che per legge sono le persone senza le quali le operazioni di spegnimento non possono iniziare; a tutto questo si aggiunge una presenza più diffusa di operatori e mezzi su tutto il territorio regionale per diminuire il tempo di arrivo delle squadre tra l’inizio dell’incendio e l’avvio delle operazioni di spegnimento che sono le condizioni migliori perchè le fiamme non facciano troppi danni.


Print Friendly and PDF

TAGS