Nonostante il covid-19, le prime comunioni alla Chiesa del Suffragio, segno di speranza e di rinascita

Nonostante il Covid-19 e la fatica per la ripresa post-sisma, le comunità del centro di L'Aquila stanno rinascendo

di don Daniele Pinton | 02 Maggio 2021 @ 13:25 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’Aquila. In una città ancora tramortita dagli effetti della Pandemia che da circa due anni sta colpendo l’Italia e il mondo, in un contesto ancor più aggravato dagli strascichi di una città colpita dal sisma del 2009, e che con fatica cerca di tornare alla sua vita ordinaria, ieri 1 maggio 2021, nella Chiesa di S. Maria del Suffragio a Piazza Duomo, nel rispetto delle norme contro il Covid-19, ha avuto luogo la celebrazione eucaristica della Prima Comunione, per i ragazzi del percorso dell’iniziazione cristiana del Centro Storico, che fanno riferimento al Gruppo Scout L’Aquila 3 e alle parrocchie di S. Marco Evangelista, S. Massimo nella Cattedrale, S. Giusta, S. Francesco di Paola, S. Flaviano, Cristo Re, S. Marciano, S. Maria di Roio e S. Biagio.

Proprio per rispettare le disposizioni del distanziamento, e nel rispetto dei numeri di persone che in questo periodo possono entrare nella Chiesa del Suffragio, stabilito in un centinaio di fedeli, si è deciso di fare due celebrazioni eucaristiche di prima comunione, una alla mattina alle ore 11:00 e un’altra nel pomeriggio alle ore 16:00.

La mattina i ragazzi, Miriam Gemma, Isabel, Nicolas, Elena, Matteo, Andrea, Claudia, Rocco, Alessia, e Sara, erano tutti lupetti del gruppo Scout Agesci L’Aquila 3, mentre alla celebrazione del pomeriggio, Giulia, Giorgia, Giulio, Sara, Viola, Gaia, Flavia Maria, Marco, Nicolò, Francesco, erano tutti ragazzi delle parrocchie della Vicaria Urbana. Purtroppo, erano assenti due ragazzi, Vienna e Violante, che a causa di una quarantena tutelare a causa del Covid-19, imposta per la loro classe scolastica, parteciperanno alla liturgia della loro prima comunione, nelle prossime settimane, accompagnati dai loro compagni di percorso catechistico, che parteciperanno a questo momento di festa.

Nonostante le difficoltà provocate dalla pandemia, che spesso ha costretto i ragazzi con le loro catechiste Irene e Ida, a incontrarsi sulla piattaforma web per il catechismo, si è cercato, secondo le indicazioni della Conferenza Episcopale Italiana e dell’Ufficio Catechistico Diocesano, di fare il più possibile le attività in presenza, dandosi appuntamento, oltre alle attività catechistiche, alla messa prefestiva delle domenica, che ogni sabato viene celebrata nella Chiesa del Suffragio alle ore 18:00, regolarmente animata dagli Scout Agesci L’Aquila 3.

Il cortile dell’Oratorio salesiano, luogo privilegiato per la catechesi dei ragazzi della Vicaria Urbana, a causa delle problematiche inerenti il covid-19, è stato sostituito temporaneamente da un altro ‘cortile’, la Piazza del Duomo al centro della Città di L’Aquila, che ha visto e sentito in questo ultimo anno di catechismo, la presenza di un folto gruppo di ragazzi del cammino per la prima confessione, comunione e della cresima, ma soprattutto delle numerose attività all’aperto, dei lupetti degli Scout L’Aquila 3, che a via del Suffragio, a pochi metri da Piazza Duomo, nel Centro Pastorale Paolo VI, hanno la loro sede. 


Print Friendly and PDF

TAGS