Nomina coordinatore cratere 2009, un gruppo di sindaci: “La politica resti fuori della ricostruzione”

di Redazione | 12 Agosto 2021, @11:08 | POLITICA
Al via alle domande per interventi antisismici su edifici privati di Avezzano e Sulmona
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Riceviamo e pubblichiamo da Paolo Federico, Rodolfo Marganelli, Mauro Di Ciccio, Matteo Pastorelli, Manuele Tiberi e Domenico Nardis, i sindaci del tavolo di coordinamento, una nota sulla questione della nomina del coordinatore dei sindaci del cratere 2009.

La politica continui a stare lontana dalla ricostruzione che sino ad oggi i sindaci hanno portato avanti nell’interesse della collettività”. L’appello arriva dai sindaci del Tavolo di Coordinamento delle aree omogenee che fanno sentire la propria voce in riferimento alla polemica tra Michele Fina, segretario regionale del Pd e il sindaco di Cugnoli Lanfranco Chiola scoppiata sulla nomina del nuovo Coordinatore del tavolo dei Sindaci del cratere 2009. “La recente riunione per la nomina”, continuano i sindaci, “è arrivata su sollecitazione di alcuni primi cittadini che sono stati accontentati mentre il 10 agosto era la prima data utile tra quelle disponibili. Inoltre, per le ragioni delle assenze che si sono registrate durante la riunione, molto probabilmente, vanno ricercate nel fatto che i sindaci non hanno ritenuto avallare un eventuale accordo non condiviso con tutti gli interessati.

Invitiamo quindi i protagonisti di questa polemica, che tra l’altro non fa bene alla ricostruzione e tende a dare un valore politico ad una carica che deve essere fatta nel rispetto delle esigenze dei territori colpiti dal sisma, ad abbassare i toni. Ricordiamo, inoltre, che il sindaco di Cugnoli, Lanfranco Chiola, si è prodigato per organizzare la riunione dimostrando attenzione e rispetto verso i colleghi sindaci e per questo lo invitiamo ad andare avanti nel suo operato, mentre ribadiamo l’assoluta necessità che le segreterie di partito restino fuori da organi che devono continuare a rappresentare le esigenze dal basso dei territori colpiti dal sisma.

 


Print Friendly and PDF

TAGS