“No delivery day”, rider italiani pronti allo sciopero del 26 marzo

di Redazione | 23 Marzo 2021 @ 12:29 | UTILI
rider italiani pronti allo sciopero del 26 marzo
Print Friendly and PDF

L’AQUILA –  Oltre 60mila riders sono pronti allo sciopero nazionale previsto per il 26 marzo 2021 indetto dalla rete “Rider x i Diritti” .  Vengono “trattati come schiavi” ha detto il magistrato milanese Francesco Greco che ha messo sotto inchiesta le compagnie di food delivery.

“A tutte le cittadine e i cittadini chiediamo di non usufruire del servizio di consegna a domicilio il giorno della mobilitazione”

si legge in una nota su Facebook.

La protesta  è volta a richiedere l’applicazione di un contratto collettivo nazionale di settore.

Da tempo si discute sulla figura professionale del riders.  Nel 2018 il Tribunale di Torino li aveva dichiarati come lavoratori autonomi. Nel 2019 la Corte d’Appello di Torino ha affermato il diritto alle tutele riconosciute ai lavoratori subordinati “se la prestazione è personale, continuativa e le modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro”. L’Anno scorso sono iniziate le trattative tra sindacati e AssoDelivery, che rappresenta le multinazionali del food delivery.  Cgil, Cisl e Uil hanno posto come condizione il riconoscimento del lavoro subordinato del rider, chiedendo che vengano posti sotto il contratto nazionale della logistica. AssoDelivery rifiuta. A giugno 2020, AssoDelivery si rivolge all’Anar – Associazione nazionale autonoma rider e Ugl. Il contratto viene stipulato il 15 settembre ma continua a inquadrare i rider più come autonomi che come subordinati. A febbraio 2021 la Procura di Milano ha concluso un’inchiesta con la quale ha  affermato che per le condizioni in cui lavorano i riders, questi debbano essere assunti con contratto di lavoro coordinato e continuativo.

Nonostante ciò, molti dei rider non hanno intenzione di sottostare all’accordo tra Ugl e Assodelivery,  da qui nasce la protesta. 

Ad oggi i rider non hanno diritto a ferie, malattia o indennizzi in caso di incidenti sul lavoro.


Print Friendly and PDF

TAGS