Nasce all’Aquila la varietà di pomodori “Porta Roiana”

di Michela Santoro | 02 Settembre 2022 @ 12:12 | AMBIENTE
Pomodori_roiana
Print Friendly and PDF

L’AQUILA. Una produzione che tende a restare di nicchia, difficilissima da trovare sulle tavole di tutti i giorni: si tratta della varietà aquilana di pomodori denominata “Porta Roiana” le cui piante nascono spontaneamente tra il selciato e la terra spostata dalla pioggia.

Pomodori_roiana

Siamo in pieno centro storico, sotto il Ponte di Sant’Appollonia lungo un corridoio di pietre, al fresco delle mura.

Pomodori_roiana

Pomodori_roiana

Un microclima diverso rispetto al giardino in pendenza, di poco al di sopra, dove spontaneamente nascono solo piante infestanti tra i noci carichi di frutti.

Umido e fresco anche d’estate, il corridoio generoso ha accolto la richiesta di madre natura di donare alla città ortaggi freschi e privi di pesticidi.

La produzione, però, può affidarsi alla sola capacità di cinque piante, ben mimetizzate tra i cespugli invadenti e senza forma che tentano di fagocitare la micro piantagione col solito atteggiamento sprezzante e un po’ cafone di quelle piante che più le sradichi e più rinascono.

Mantenere viva e rigogliosa la sorpresa di madre natura, pertanto, comporta una serie di azioni necessarie nei prossimi giorni.

Pomodori_roiana

Va, quindi, valutata la necessità di apporre dei bastoni che aiutino le piante a crescere in altezza e ripulita l’area dalla presenza delle piante puzzone.

Pomodori_roiana

Il tutto per garantire la proliferazione della varietà autoctona di pomodori “Porta Roiana” non solo a puro scopo ornamentale ma anche per gustarne i frutti e farla diventare una produzione tipica, ovviamente a prezzi fuori mercato data l’esclusività della specie.  


Print Friendly and PDF

TAGS