Movimento 5 Stelle aderisce a manifestazione La sanità pubblica si difende

Giorgio Fedele (M5S) “importante esserci, il territorio deve far sentire la sua voce contro le politiche scellerate del centrodestra

di Redazione | 14 Giugno 2023 @ 13:09 | POLITICA
asl 1
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Parteciperò con convinzione alla manifestazione “La sanità pubblica si difende”  a tutela del diritto alla salute in provincia dell’Aquila, che si terrà domani, giovedì 15 giugno alle ore 10:30, nel Piazzale antistante la Direzione generale della Asl1 in Via Saragat a L’Aquila.

Così il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Giorgio Fedele. Il Movimento 5 Stelle, continua il consigliere, sarà sempre al fianco dei cittadini, delle associazioni e del personale sanitario nel chiedere più rispetto per un territorio che troppo spesso è stato massacrato dalle politiche scellerate del centrodestra in tema sanità.
 
Dopo oltre quattro anni di Governo regionale a trazione Fratelli D’Italia, Lega e Forza Italia lo stato pietoso del nostro servizio sanitario pubblico è sotto gli occhi di tutti. Gli organizzatori denunciano carenze di personale e mancati investimenti in tecnologia; liste di attesa per l’accesso alle prestazioni specialistiche, ospedaliere o dei poliambulatori distrettuali; personale medico, infermieristico, amministrativo e tecnico stremato; precariato come forma ordinaria di reclutamento del personale; esternalizzazioni dei servizi; marginalizzazione dei Consultori familiari, sono alcuni dei fattori principali che limitano e, a volte, impediscono l’esercizio del fondamentale diritto alla salute.
 
Queste  sono le stesse rimostranze che da anni mettiamo sul tavolo della discussione in Consiglio regionale, trovando sempre un muro di pressapochismo e scaricabarile proprio da chi è stato eletto per risolvere i problemi, anche in ambito sanitario. Noi continueremo a lottare dentro e fuori le istituzioni per garantire a tutti una sanità pubblica di qualità. 
È importante esserci perché è sempre più necessario far sentire la voce del territorio. Noi ci siamo”.

Print Friendly and PDF

TAGS