MotoGP, Gran Bretagna: Fabio Quartararo domina a Silverstone e allunga nel Mondiale, podio per Aprilia

di Stefano Nicoli

di Redazione | 30 Agosto 2021 @ 08:45 | SPORT
Print Friendly and PDF

Non c’è stato nessuno, in quel di Silverstone, capace di arrestare la sua avanzata: Fabio Quartararo, nizzardo della Yamaha, è stato semplicemente imprendibile. Il francese, sempre più saldamente in testa alla classifica iridata, in sella alla propria M1 ha agilmente vinto il GP di Gran Bretagna fornendo l’ennesima prova convincente di una stagione che lo sta vedendo vestire i panni dell’assoluto protagonista.

Il #20, al termine dei 20 passaggi previsti per la corsa d’oltremanica, gestendo ampiamente il ritmo nel corso degli ultimi giri è transitato sul traguardo con 2”663 di margine su Alex Rins, 2° e finalmente autore di una gara solida e consistente. Lo spagnolo della Suzuki a propria volta ha chiuso davanti ad Aleix Espargaro, che in sella alla sua Aprilia ha scritto una pagina di storia del marchio italiano: quello conquistato in Inghilterra è infatti il primo podio in MotoGP conquistato dal costruttore di Noale, capace a Silverstone di chiudere addirittura davanti al colosso Ducati. La prima delle Desmosedici ufficiali è infatti quella di Jack Miller, 4° e in lotta per il podio con Espargaro proprio nelle battute finali della corsa, mentre il poleman Pol Espargaro paga forse una scelta di pneumatici troppo aggressiva ed è quindi costretto ad accontentarsi della 6^ piazza davanti alle due KTM di Brad Binder e dell’ottimo Iker Lecuona. Buona è poi la prestazione di Alex Marquez, 8° con la sua Honda, mentre claudicante è stato Joan Mir: il #36 della Suzuki non è riuscito ad agganciarsi al trenino dei primi nelle fasi iniziali della corsa, venendo così pian piano risucchiato dal gruppo e perdendo non poco terreno da Fabio Quartararo in ottica Mondiale.

Domenica finalmente positiva per Danilo Petrucci, 10° assieme alla sua KTM dopo due weekend da incubo in Austria, mentre Johann Zarco zoppica tra i cordoli di Silverstone riuscendo a malapena a tenersi dietro Enea Bastianini: il #23 di Avintia è venuto fuori alla distanza, mettendo in mostra un più che discreto passo gara nel momento in cui gli altri piloti stavano invece iniziando a cedere. 13° è Takaaki Nakagami, mentre mestamente 14° è Francesco Bagnaia: “Pecco” è andato drammaticamente in crisi con i propri pneumatici nelle fasi centrali della corsa, ed è stato fagocitato dal gruppone senza avere concretamente neppure la possibilità di difendersi per cercare di contenere i danni in classifica. L’ultimo punticino iridato se lo accaparra Luca Marini, che chiude il proprio GP d’Inghilterra davanti a Miguel Oliveira e alle tre Yamaha di Cal Crutchlow, Valentino Rossi e Jake Dixon: è certamente il #46 il più deluso dai tre, soprattutto considerando che nelle primissime fasi della corsa il pilota di Tavullia si è ritrovato a combattere addirittura per la Top Five. Problemi di gomme hanno purtroppo attanagliato la parte finale del GP d’Inghilterra di Valentino, che ha chiuso in penultima posizione e decisamente attardato rispetto al vincitore Quartararo.

Sono infine solamente due i nomi che compongono l’elenco dei ritirati di questa gara, e sono quelli di Marc Marquez e Jorge Martin: i due sono entrati in contatto per ben due volte – e in due curve consecutive – nel corso del primo giro, e un eccesso di foga del #93 si è tradotto in una caduta che ha coinvolto anche l’incolpevole #89. Nessuna conseguenza per i due piloti, che si sono però ritrovati subito esclusi da una corsa nella quale avrebbero potuto sicuramente fare bene.

Il Motomondiale ora si prende un weekend di pausa: i protagonisti della MotoGP, della Moto2 e della Moto3 riaccenderanno infatti i motori nel fine settimana del 12 settembre, in occasione del GP di Aragona.


Print Friendly and PDF

TAGS