MotoGP, GP Olanda: Bagnaia vince e accorcia in classifica su Quartararo

di Redazione | 26 Giugno 2022 @ 18:35 | SPORT
Bagnaia
Print Friendly and PDF

Dopo i due zeri consecutivi racimolati in Catalogna e in Germania, chi si attendeva una reazione da parte di Francesco Bagnaia non è rimasto deluso nella domenica del Gran Premio d’Olanda. Il #63 della Ducati, scattato dalla pole, ha infatti mantenuto il comando della corsa dal primo all’ultimo giro ed è riuscito a conquistare un successo che – nel giorno del primo, vero errore marchiato Fabio Quartararo – rilancia anche le sue ambizioni iridate.

Bagnaia, nonostante una pioggia leggera che ha provveduto a complicargli la vita nelle fasi finali della corsa, ha tagliato il traguardo del GP d’Olanda davanti a un ottimo Marco Bezzecchi, straordinario secondo in sella alla Ducati del Mooney VR46 Racing Team, e a Maverick Vinales, che conferma la propria recente crescita e conquista così il primo podio in Aprilia della sua carriera.

Alle spalle del #12, al termine di una rimonta che ha avuto del sensazionale, è arrivato Aleix Espargaro. Il #41, piombato al 17° posto dopo essere stato centrato da Quartararo mentre i due lottavano per la seconda posizione, a suon di giri veloci ha dato vita a una rincorsa incredibile sublimata da un sorpasso da urlo all’ultima chicane: lo spagnolo della Aprilia, 6° in ingresso, ha avuto ragione in una sola staccata tanto della KTM dell’ottimo Brad Binder quanto della Ducati dell’ancora una volta veloce Jack Miller, comunque buon 6° dopo avere scontato un Long Lap Penalty. 7° è Jorge Martin, rallentato da problemi di tenuta fisica accusati nella seconda parte di gara, mentre Joan Mir risale la china e artiglia l’8^ posizione davanti a Miguel Oliveira e Alex Rins, più in difficoltà quest’oggi rispetto alle qualifiche del sabato.

Chiude appena fuori dai primi dieci Enea Bastianini, non del tutto a proprio agio in sella alla Ducati sull’asfalto di Assen, mentre Takaaki Nakagami – penalizzato con un Long Lap Penalty per avere ecceduto troppo spesso i limiti della pista – ha portato la sua Honda davanti alla GP22 di un deludente Johann Zarco. 14° è Fabio Di Giannantonio, con Alex Marquez che si accaparra l’ultimo punticino iridato disponibile andando a precedere Andrea Dovizioso e Luca Marini, impalpabile nella domenica di Assen. 18° è Stefan Bradl, mentre Remy Gardner chiude 19° davanti alla wild card Lorenzo Savadori.

Quattro sono infine i piloti ritirati, con ben tre Yamaha costrette ad alzare bandiera bianca prima del tempo. Escluso Raul Fernandez – messo fuori gioco da un problema al braccio – a non avere concluso il GP d’Olanda per via di cadute sono infatti state le M1 di Darryn Binder, Franco Morbidelli e Fabio Quartararo. Lo 0 in classifica racimolato da quest’ultimo è sicuramente il più rilevante: quello commesso dal #20 nel GP d’Olanda è infatti il primo vero errore del 2022 del francese, che subisce così una battuta d’arresto piuttosto importante permettendo il riavvicinamento dei suoi principali rivali per il titolo.


Print Friendly and PDF

TAGS