MotoGP, GP d’Italia: Bagnaia vince davanti a Quartararo, cade Bastianini

di Redazione | 30 Maggio 2022 @ 08:32 | SPORT
BAgnaia Moto GP
Print Friendly and PDF

Sventola alto il tricolore sul podio della MotoGP in quel del Mugello e il merito, dopo una trasferta francese avara per lui di soddisfazioni, è tutto di Francesco Bagnaia. Che scatta nel traffico, sgomita a centro gruppo, rimonta inesorabilmente e vince in maniera perentoria rilanciandosi nella lotta per il Titolo Piloti.

Il #63, come già accaduto in quel di Jerez de La Frontera, per salire sul gradino più alto e più ambito del podio se l’è dovuta vedere con il mai domo Fabio Quartararo. Il nizzardo, sulla carta svantaggiato tra i saliscendi toscani da una Yamaha M1 non al livello della diretta concorrenza, anche stavolta ha tirato fuori dal cilindro il proverbiale coniglio andando a conquistare una seconda piazza che rafforza la sua leadership iridata. Al 3° posto si issa Aleix Espargaro, in sella a una Aprilia le cui ottime prestazioni non riescono più a fare notizia, mentre ai piedi del podio si fermano le tre Ducati di Johann Zarco, Marco Bezzecchi e Luca Marini, con i due italiani – protagonisti nelle prime fasi – beffati dal francese proprio nel finale.

7^ è la KTM di Brad Binder, che precede la Honda di Takaaki Nakagami e la moto gemella di Miguel Oliveira, tornato in top ten dopo diverse domeniche decisamente difficili. Si arresta all’altezza della 10^ posizione la rincorsa di Marc Marquez, in volo verso l’America e la quarta operazione al braccio destro già da domani, mentre il poleman Fabio Di Giannantonio dopo una prima fase di gara combattiva scivola pian piano indietro in classifica terminando la corsa appena fuori dalla top ten. 12° è Maverick Vinales, autore di una ottima rimonta lontano dalle telecamere, con Jorge Martin e Alex Marquez a precedere uno spento e irriconoscibile Jack Miller, disperso nelle retrovie in una domenica per lui difficilissima. Darryn Binder nonostante la Long Lap Penalty comminatagli a inizio gara chiude davanti alla M1 ufficiale di un mesto Franco Morbidelli, mentre la wild card ducatista Michele Pirro termina il proprio GP d’Italia davanti al rookie Remy Gardner e ad Andrea Dovizioso, solamente 20° e sempre più preda delle difficoltà della Yamaha. Fanalini di coda sono invece Raul Fernandez e Lorenzo Savadori, con la wild card della Aprilia che chiude doppiato.

Quattro sono infine i piloti ritirati. Il primo ad abbandonare il gruppo è stato Pol Espargaro, caduto all’Arrabbiata 2, seguito poco dopo dalla coppia di Suzuki di Joan Mir e Alex Rins e – purtroppo – dalla Ducati di Enea Bastianini: il #23, in rimonta e ampiamente in lotta per il podio al momento della caduta, è scivolato a terra vedendo quindi sfumare l’opportunità di conquistare punti pesanti in ottica campionato. La Bestia, assieme a tutti i suoi colleghi, avrà però a disposizione poco tempo per rimuginare su quanto fatto al Mugello: il GP di Catalogna è infatti a meno di una settimana di distanza.

Moto GP


Print Friendly and PDF

TAGS