MotoGP, GP Catalogna: l’Aprilia di Espargaro in pole davanti a Bagnaia

di Stefano Nicoli

di Redazione | 04 Giugno 2022 @ 22:06 | SPORT
Aleix Espargaro
Print Friendly and PDF

Indossando un casco di rosa dipinto, dedicato alla figlioletta Mia che a causa di un problema congenito al cuore ha dovuto subire ben due operazioni nei primi anni di vita, Aleix Espargaro e la sua Aprilia hanno conquistato la pole position del Gran Premio di Catalogna, nono appuntamento del 2022 del Motomondiale.

Il #41, velocissimo in tutte le sessioni di prove libere, ha fermato il cronometro sull’1’38”742 avendo così la meglio per soli 31 millesimi su Francesco Bagnaia, 2° in sella alla Ducati ufficiale #63. A completare la prima fila provvede Fabio Quartararo, ancora una volta unico tra i piloti Yamaha in grado di tenere il passo dello stuolo di Ducati e della coppia di Aprilia, mentre Johann Zarco in 4^ piazza precede un nuovamente ottimo Fabio Di Giannantonio, 5° in 1’39”099 e autore di un’altra buona qualifica dopo la pole position centrata al Mugello. 6° è Jorge Martin, che dopo il GP di Catalogna si sottoporrà a un intervento chirurgico per risolvere la sindrome compartimentale che lo sta ormai affliggendo da diverse gare, mentre Alex Rins e la sua Suzuki riescono a precedere Maverick Vinales – passato dal Q1 assieme a Takaaki Nakagami – e Luca Marini, 9° grazie al suo 1’39”451. A completare la top ten provvede la Honda di Pol Espargaro, mentre la Ducati #43 di Jack Miller chiude le qualifiche davanti alla RC-213V del poco più sopra citato Nakagami.

Dalla 13^ casella dello schieramento scatterà Marco Bezzecchi, che assieme a Enea Bastianini – 14° – non è riuscito per un soffio ad accedere al Q2: entrambi gli italiani si sono giocati l’accesso alla fase decisiva della qualifica per centesimi, rimanendo esclusi rispettivamente per 24 e 30 millesimi di secondo. Si accomoderà in 15^ piazza Brad Binder, alla guida di una KTM parsa in enorme difficoltà sull’asfalto rovente del Montmelò, con il compagno di squadra Miguel Oliveira che si accomoderà al suo fianco davanti a Joan Mir e Franco Morbidelli. Il #21 sembrava avere trovato un parziale bandolo della matassa nella giornata di venerdì, ma il sabato – e l’abbassamento dei tempi sul giro che esso porta con sé – hanno bruscamente riportato l’italiano nella realtà. 19° tempo poi per Andrea Dovizioso, che chiude le qualifiche in 1’40”071, davanti a Remy Gardner, Stefan Bradl (salito in sella alla Honda lasciata provvisoriamente vuota da Marc Marquez), Michele Pirro e ai due rookie Darryn Binder e Raul Fernandez.

Unico a non prendere parte alle qualifiche è stato infine Alex Marquez. Il #73 è infatti caduto all’altezza dell’ultima curva nel corso delle FP4 e, pur non avendo riportato gravi conseguenze fisiche, non è riuscito a svolgere tutti gli accertamenti medici del caso in tempo per prendere parte alle prove ufficiali. Il portacolori del team LCR si accomoderà quindi nell’ultima casella dello schieramento del GP di Catalogna, la cui partenza è prevista domenica 5 giugno alle ore 14:00.


Print Friendly and PDF

TAGS