MotoGP, GP Argentina: Aleix Espargaro porta la Aprilia in pole

di Stefano Nicoli

di Redazione | 03 Aprile 2022 @ 09:15 | SPORT
MotoGP Argentina
Print Friendly and PDF

La prima volta non si scorda mai. A provare sulla propria pelle la veridicità di questo vecchio adagio è stato stavolta, al termine delle qualifiche del Gran Premio di Argentina della MotoGP, il team Aprilia. In grado, grazie alla straordinaria performance sul giro secco di Aleix Espargaro, di conquistare la prima pole position della propria storia da quando la classe regine risponde al nome di MotoGP.

Le creature di Noale avevano ben figurato sin dalle FP di un fine settimana dal programma rimaneggiato a causa di ritardi dei voli cargo, ma probabilmente in pochi si sarebbero aspettati una prestazione così convincente da parte delle RS-GP22. Tra questi pochi, visto il risultato ottenuto, figurava di certo Aleix Espargaro: lo spagnolo ha infatti fermato il cronometro sull’1’37”688, rifilando così 151 millesimi alla Ducati di Jorge Martin e addirittura oltre 4 decimi alla GP22 di Luca Marini, 3° al termine di un’ottima sessione di qualifica. Ad aprire la seconda fila provvederà la Honda di Pol Espargaro, uno dei due “superstiti” alla trappola della Q1, con Maverick Vinales e la seconda delle Aprilia a precedere la Yamaha di Fabio Quartararo. Il francese, staccato di 593 millesimi dal crono di Espargaro, ha sicuramente più di qualcosa da recriminare: il suo primo tentativo con il secondo treno di gomme è stato infatti ostacolato in maniera involontaria da Jack Miller, e a nulla sono valsi i tentativi del #20 di mettere una pezza alla minore freschezza del proprio set di pneumatici. 7° è Alex Rins con la prima delle Suzuki, con Joan Mir a inseguire davanti a Johann Zarco e Takaaki Nakagami, 10° con la sua Honda davanti a Miller e Binder. È piuttosto difficile pensare però che l’australiano della Ducati, caduto nella Q2 subito dopo avere concluso quello che si è rivelato poi essere il suo miglior giro lanciato, possa conservare l’attuale posizione in griglia: il #43 è stato infatti involontario protagonista dell’impeding a Quartararo, ed è quindi verosimile pensare che sarà penalizzato dalla Direzione Gara per il proprio operato.

In Argentina, dalla 13^ casella dello schieramento scatterà invece Enea Bastianini, che precede la Ducati di Pecco Bagnaia e la Yamaha di Franco Morbidelli in una quinta fila tutta italiana. Continuano anche in Argentina le difficoltà del vice Campione del Mondo 2021: Bagnaia non è infatti riuscito a ritrovare il giusto feeling con la sua moto neppure sull’asfalto di Termas de Rio Hondo, venendo escluso sin dalla Q1 senza mai dare davvero l’impressione di avere tra le mani il famigerato bandolo della matassa. 16° scatterà il vincitore del GP d’Indonesia, Miguel Oliveira, mentre Marco Bezzecchi e Andrea Dovizioso si schiereranno davanti ad Alex Marquez, Fabio Di Giannantonio e Raul Fernandez. A completare la griglia di partenza provvederanno infine altri due rookie e un sostituto di lusso: le ultime tre posizioni dello schieramento saranno infatti occupate da Remy Gardner, Darryn Binder e da Stefan Bradl, chiamato a sostituire un Marc Marquez ancora in preda agli effetti della bruttissima caduta occorsagli durante il Warm Up del GP d’Indonesia.


Print Friendly and PDF

TAGS