Ministero del Lavoro, l’Ispettorato cerca una nuova “casa” in città per 56 dipendenti

di Redazione | 14 Aprile 2021 @ 06:00 | UTILI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – L’Ispettorato Territoriale del lavoro di L’Aquila, oggi a Via Aldo Moro, cerca con un avviso pubblico un nuovo immobile in locazione a L’Aquila.

L’edificio deve essere già edificato o comunque disponibile a partire dal giorno 1 maggio 2022.

Ammissibili, si specifica, anche proposte di immobili o porzioni di immobili da ristrutturare o in fase di ultimazione, per i quali “la Proprietà si impegna a realizzare, a propria cura e spese, le opere necessarie a rendere l’immobile conforme alle disposizioni di legge, ai requisiti richiesti e/o ad ulteriori richieste della Amministrazione”.

I requisiti, come sempre in questi casi, sono molto stringenti. Per l’ubicazione, specifica sempre il bando, va bene anche una zona decentrata purché servita adeguatamente dai servizi di trasporto pubblico locale e dalla viabilità.

Il fabbricato preferibilmente deve essere un cielo terra o, appunto, una porzione di altro immobile purché sia garantito un accesso indipendente. Sono poi richieste aree parcheggio e specifici requisiti dimensionali e funzionali.

Per quanto riguarda la dimensione si parla di una superficie complessiva di circa 1550 metri quadri, esclusi parcheggi, terrazzi, locali tecnici, e aree pertinenziali. Almeno 1150 mq devono poter essere destinati a uffici. Poi ci sono 150 mq da adibire ad archivio cartaceo, anche suddivisi in spazi separati, 210 mq da destinare a deposito e 40 mq da destinare a una sala riunioni utile ad ospitare almeno quindici persone.

Poi ci altri spazi, uffici dirigenziali, aree d’attesa, suscettibili di valutazione in relazione alle caratteristiche architettoniche dell’immobile. Tutti gli oneri per i collegamenti per l’approvvigionamento dei collegamenti TLC e per l’allaccio alle singole utenze (gas, acquedotto, rete elettrica, ecc.) sono a carico della potenziale proprietà.

Il contratto di locazione avrà una durata minima di sei anni, con previsione di decorrenza dal 01/05/2022 al 30/04/2028 e viene escluso il rinnovo tacito del contratto alla scadenza.

Il conduttore, alla scadenza del primo periodo di 6 anni, avrà il diritto di rinnovare il contratto agli stessi patti e condizioni con le variazioni del canone dovute agli aggiornamenti ISTAT verificatisi in vigenza del contratto stesso.

Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire in busta chiusa, mediante raccomandata a/r, all’Ispettorato Territoriale del lavoro di L’Aquila, all’indirizzo Viale Aldo Moro, 28/d – 67100 L’Aquila (AQ), ovvero mediante PEC all’indirizzo [email protected] Entro le ore 12 del giorno 11 giugno 2021.


Print Friendly and PDF

TAGS