Meritocrazia Abruzzo, “Sullo spreco d’acqua ognuno faccia la sua parte”

Incrementa la preoccupazione per l'inquinamento idrico ma con scarsi risultati pratici

di Redazione | 18 Ottobre 2021, @01:10 | AMBIENTE
acqua
Print Friendly and PDF

La sensibilità rispetto a tematiche ambientaliste è cresciuta negli ultimi anni. Secondo i dati Istat, nel 2020 il 40,6% degli italiani si dichiara preoccupato per l‘inquinamento idrico, con nelle fasce più giovani. Eppure il consumo medio delle famiglie in Italia è tra i più alti d’Europa. In media, nello specifico, si consumano ogni giorno circa 240 litri di acqua a persona, il 66% in più rispetto alla media mondiale. La rete idrica nazionale distribuisce oltre 8 miliardi di metri cubi ogni anno, di cui circa il 14% rappresenta il consumo domestico, giardini compresi. Le perdite idriche, dovute ad infrastrutture inefficienti, rappresentano ben il 42% del totale, per cui già recuperando queste perdite si potrebbe garantire il fabbisogno di acqua a circa 44 milioni di persone in più in un anno, ossia ai due terzi degli italiani.

Nel rapporto dell’Osservatorio Prezzi e Tariffe di Cittadinanzattiva si legge, inoltre, che gli italiani non si fidano dell’acqua di rubinetto e ne sprecano troppa anche se oltre il 46% degli intervistati la consuma per bere, contro il 43,7% che preferisce l’acqua imbottigliata, dubitando della qualità prodotta dagli acquedotti o non gradendola. Ogni famiglia spende per l’acquisto di acqua minerale in bottiglia in media € 12,5 al mese, due euro in meno rispetto ai costi In questo scenario, aumenta ancora la spesa media per l’acqua delle famiglie italiane che nel 2020 è stata pari a € 448,00 annui contro i € 434,00 del 2019, facendo registrare un incremento in bolletta del 2,6% da un anno all’altro. Anche se una larga maggioranza di cittadini non conosce la tariffa applicata alla propria bolletta e non sa dell’esistenza del bonus sociale idrico, che consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno.

Occorre maggiore attenzione per un uso consapevole e una gestione responsabile delle risorse idriche, iniziando dalle buone pratiche familiari, tanto diffuse e note ma poco rispettate.

Alcune azioni utili per poter evitare lo spreco d’acqua:

– chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti o ci si rade fa risparmiare 6 litri di acqua al minuto;

– diminuire il tempo della doccia consente di ridurre il consumo di acqua dai 6 ai 10 litri al minuto e preferirla al bagno comporta un 75% di risparmio;

– fare attenzione alle cassette del water, dato che le più moderne con doppio tasto rispetto alle tradizionali riducono il consumo di circa 26.000 litri di acqua all’anno;

– riparare i rubinetti che gocciolano può risolvere in poco tempo un problema che causa la perdita di 21.000 litri di acqua all’anno per ogni rubinetto;

– utilizzare l’acqua del deumificatore o del condizionatore per il ferro da stiro, oltre a far risparmiare sulla bolletta consente di allungare la vita dell’elettrodomestico essendo priva di calcare;

– sostituire i vecchi elettrodomestici con modelli energy star consente di risparmiare il 50% di acqua e di regolare la quantità erogata in base al carico cioè circa 8200 litri all’anno;

– scongelare gli alimenti all’aria o in una bacinella piuttosto che farlo sotto l’acqua corrente evita di sprecare 6 litri di acqua al minuto;

– installare una vasca per la fitodepurazione in giardino consente di avere un piccolo depuratore naturale che filtrerà le acque nere e grigie per restituire risorse idriche da usare per irrigare;

– mettere una coperta galleggiante sulla piscina quando non si utilizza consente di rallentare l’evaporazione e risparmiare da 1000 a 4000 litri di acqua al mese, secondo la zona climatica e la grandezza della vasca.

Tanti sono gli interventi che pure sarebbero utili all’obiettivo. Meritocrazia Italia insiste sulla necessità di

– rendere obbligatoria l’installazione di un ossigenatore sotto ogni rubinetto (costo € 1,00);

– installare presso i condomini una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, per poterla poi utilizzare per irrigazione dei giardini condominiali o delle piante che ogni condomino ha nel suo appartamento, a fronte di una detassazione o un risparmio sul consumo in base al risparmio effettivo;

– prevedere, da parte dei gestori, un sistema premiale che tenga conto del consumo medio annuo pro capite, ovvero un rincaro della bolletta o un risparmio per gli utenti che si ritrovano ad avere consumi superiori o inferiori alla media stessa.

 


Print Friendly and PDF

TAGS