Medicina, cambia il test. Meno domande di logica e più di scienze

di Redazione | 11 Luglio 2022 @ 13:10 | ATTUALITA'
beni culturali
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La novità è prevista dal decreto n. 583 firmato dal Ministro dell’Università, Cristina Messa, e pubblicato il 24 giugno 2022. Il test d’ingresso per i corsi di medicina, odontoiatria, veterinaria e professioni sanitarie per l’anno accademico 2022/2023 prevedono una riduzione dei quesiti di logica e cultura generale, sostituiti da domande sulle materie disciplinari.

Le prove, come noto già da marzo, si svolgeranno nella prima metà di settembre. I candidati dovranno rispondere a 60 domande a risposta multipla in 100 minuti.

Il punteggio massimo per la valutazione è di 90 punti, tenendo conto che si ottengono 1,5 punti per risposta esatta, meno 0,4 punti per risposta sbagliata e 0 punti per le risposte non date.

Nel dettaglio per i corsi di medicina e chirurgia e di odontoiatria e protesi dentaria sono previste le seguenti domande:

4 di competenze di lettura e conoscenze acquisite negli studi;
5 di ragionamento logico e problemi;
23 di biologia;
15 di chimica;
13 di fisica e matematica.
Per i corsi di medicina veterinaria, invece, il numero dei quesiti è lo stesso con la differenza che saranno previste 19 domande di biologia e 19 di chimica.

Il numero dei posti disponibili per l’immatricolazione sarà reso noto con un apposito decreto in via di definizione, ma non dovrebbero essere meno dei 14.500 dell’anno scorso.


Print Friendly and PDF

TAGS