Marsica: a Collelongo apprensione per trovare i contatti della turista positiva al Covid

Si cercano i contatti in paese

di Redazione | 02 Settembre 2020 @ 14:20 | CRONACA
Print Friendly and PDF

COLLELONGO (AQ) – Il caso di positività di Collelongo, a differenza degli altri riscontrati in queste ore nella Marsica, non riguarda una persona residente ma una turista ma ha suscitato molte polemiche. E’ risultata positiva al coronavirus solo dopo un weekend trascorso nella Marsica, e si era sottoposta a tampone prima dell’arrivo in paese. L’esito è arrivato solo dopo il rientro nel Comune di residenza. Solo a quel punto ha avvisato le persone con cui ha avuto contatti a Collelongo. Non è chiaro come mai nel periodo compreso tra la somministrazione del tampone e l’esito dello stesso si trovasse nel paese marsicano e non in quarantena nella propria abitazione.

L’amministrazione comunale ha divulgato le seguenti informazioni.
 
Si informa la cittadinanza che, a seguito della notizia della presenza in paese durante lo scorso weekend di una persona non residente risultata positiva al coronavirus ad un primo tampone (si resta in attesa del secondo tampone), a scopo cautelativo sono state disposte le quarantene obbligatorie di 14 giorni per tutti coloro che hanno avuto contatti con la stessa. Insieme ai medici di base e al Dipartimento di Prevenzione della ASL si sta ultimando la ricostruzione della catena di contatti e si stanno adottando tutte le misure preventive necessarie in attesa di capire, con il riscontro dei tamponi, se ci sia stata o meno diffusione del contagio. Si invita la cittadinanza a prestare la massima attenzione e a rispettare le misure di prevenzione come uso della mascherina, distanziamento sociale e frequente lavaggio delle mani.

Scrive Giovanni Del Turco sul suo profilo facebook:

Ragazzi è inutile la rincorsa a capire chi sia la persona e quali posti abbia frequentato. La situazione è monitorata con attenzione, i ragazzi presenti a quella festa sono stati tutti allertati e di conseguenza sono stati tracciati tutti i loro movimenti postumi, e sono stati avvisati anche tutti coloro che nei giorni successivi sono entrati in contatto (concretamente) con loro. Dunque se non vi è arrivato nessun alert personalmente significa che non siete rientrati nella catena. Nei prossimi giorni con i primi tamponi effettuati se ne saprà di più, ora stiamo tranquilli e ritorniamo ad avere un po’ più di attenzione, visto che forse per un po’ ci siamo sentiti invulnerabili.
Per il resto certo sarebbe meglio evitare feste al chiuso e soprattutto pranzi o cene a buffet (che mi sembrava fossero stati vietati, ma è possibile che ricordi male io…).

 


Print Friendly and PDF

TAGS