Mafia nigeriana, le reazioni della politica aquilana

di Redazione | 26 Aprile 2021 @ 17:16 | CRONACA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – Arrivano le reazioni della politica aquilana dopo l’operazione di stamattina che ha portato in carcere il vertice di un’organizzazione mafiosa operante su tutto il territorio nazionale.
 
D’Eramo: “Prosegue la lotta contro ogni criminalità”
 
L’AQUILA – “Alla Polizia, alla Direzione distrettuale antimafia e alla Procura dell’Aquila vanno i più sentiti ringraziamenti per la maxi operazione che ha sgominato un’organizzazione mafiosa nigeriana, radicata in diverse regioni italiane e anche in Abruzzo; una rete criminale molto pericolosa che operava su diversi fronti, con gravissime ripercussioni sulle comunità. 
Al di là dell’encomiabile lavoro di indagine portato avanti da forze dell’ordine inquirenti, non si può non rilevare la gravissima circostanza della presenza di così pericolose frange criminali nel nostro Paese e addirittura nel territorio regionale. 
Questioni su cui la Lega ha sempre prestato un’attenzione massima e, senza ombra di dubbio, proseguiremo sempre la nostra battaglia contro ogni mafia e contro ogni criminalità, chiedendo a gran voce e operando fattivamente per garantire sempre il diritto alla sicurezza”. 

PD: “Plauso a Magistratura e forze dell’ordine, serve Protocollo per la legalità”

“Il Pd esprime ancora una volta tutta la loro preoccupazione per le evidenti infiltrazioni della criminalità organizzata anche di matrice straniera come dimostra l’ultima inchiesta portata avanti dalla DDA dell’Aquila”: lo dichiarano Teresa Nannarone, Francesco Piacente ed Emanuela Di Giovambattista rispettivamente responsabile del Forum contro le mafie del Pd Abruzzo, segretario del Pd della provincia dell’Aquila e segretaria del Pd dell’Aquila.  Gli esponenti del Pd esprimono “il plauso al lavoro della Magistratura e della Questura dell’Aquila, e rinnoviamo come partito politico il nostro impegno per contrastare le infiltrazioni della criminalità, collaborando alla creazione di una coscienza critica e vigile nella nostra Regione e nella nostra Provincia e sollecitando ancora una volta la Regione all’adozione di un Protocollo per la legalità”. 

Il plauso di Santangelo
“Apprendo con soddisfazione la notizia diffusa dagli organi di stampa circa l’operazione della Polizia dell’Aquila che ha consentito lo smantellamento di un organizzazione criminale con base nella nostra città e ramificata in tutta Italia.” Così Roberto Santangelo, vicepresidente del Consiglio regionale. 
“In virtù del ruolo istituzionale da me ricoperto – spiega Santangelo – e sicuramente a nome di tutta la cittadinanza, rivolgo un doveroso ringraziamento alle donne e agli uomini del Corpo di Polizia ed al Questore Dott. Gennaro Capoluogo per l’impegno profuso a tutela della comunità per le attività di controllo del territorio, svolte con grande spirito di abnegazione e professionalità.
La nostra città ha sicuramente stimolato gli appetiti della criminalità organizzata in virtù della ferita che il sisma del 2009 ha inferto al territorio; la pandemia ha continuato a minare la stabilità economica e sociale della nostra comunità; è per questo che oggi, a fianco delle forze dell’ordine, insieme dobbiamo contribuire a gettare le basi di una rinascita sana, all’insegna della legalità, del rispetto delle regole, della denuncia degli abusi, del rifiuto di qualsivoglia prospettiva di facile arricchimento; lo dobbiamo a noi stessi, alla nostra città e soprattutto alle nuove generazioni.”
 
Pezzopane: “Bene la Procura”
“Esprimo la mia soddisfazione alla Procura antimafia ed Polizia di Stato dell’Aquila per aver portato a termine un operazione che ha prodotto decine di misure cautelari in carcere e perquisizioni nei confronti di 30 persone, indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso e ritenuti membri dell’organizzazione mafiosa nigeriana denominata Black Axe, con base centrale proprio a L’Aquila. Un plauso alle forze dell’ordine e alla magistratura, che per mesi hanno indagato nei confronti di questa associazione mafiosa intenta al compimento di numerosi reati tra cui traffico di stupefacenti, immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione, truffe romantiche, truffe informatiche e riciclaggio anche attraverso la compravendita di bitcoin, per un totale di quasi 100 capi di imputazione”. Lo dichiara la deputata abruzzese del Pd Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo dem alla Camera.

Print Friendly and PDF

TAGS