L’Università dell’Aquila all’Expo di Dubai

di Matilde Albani | 30 Gennaio 2022 @ 06:00 | TECNOLOGIA E INNOVAZIONE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Ci sarà anche l’Università dell’Aquila nella delegazione della Regione Abruzzo che, dal 30 gennaio al 1 febbraio 2022, parteciperà all’Esposizione universale Dubai 2020, negli Emirati Arabi Uniti.

L’evento clou della missione istituzionale –  promossa dalla Regione Abruzzo e coordinata dal Dipartimento dello Sviluppo Economico e del Turismo, con il supporto di Abruzzo Sviluppo e ARAP Abruzzo, in sinergia con le Camere di Commercio di Chieti Pescara e del Gran Sasso e con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio – si svolgerà il 30 gennaio, quando, nel Padiglione Italia, è in programma un “Regional Day” dedicato proprio all’Abruzzo.

Alla presenza di Paolo Glisenti, Commissario Generale dell’Italia a Expo 2020, saranno presentate alcune eccellenze regionali, dai sistemi innovativi e tecnologici alle risorse ambientali, infrastrutturali e logistiche.

In particolare, UnivAQ sarà protagonista, alle 15 ora locale (le 12 in Italia), di un “Innovation Talk” dal titolo “Connected vehicles, IoT and machine learning for intelligent transport systems”, dedicato ai veicoli connessi.

A Dubai saranno presenti il professor Fortunato Santucci, ordinario di Telecomunicazioni al dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica (DISIM) di UnivAQ, e Elena Cinque, docente DISIM e ricercatrice Radiolabs, consorzio di ricerca che collabora con UnivAQ. L’intervista

In videoconferenza interverranno, invece, il rettore Edoardo Alesse, che parlerà in apertura dei lavori;  Francesco Valentini, docente DISIM e ricercatore Radiolabs; Vittorio De Iuliis, ricercatore DISIM; Alessandro D’Ortenzio, dottorando DISIM; Luca Zitella e Giammarco Di Sciullo, studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni, Università dell’Aquila. Sempre da remoto, parteciperà anche Francesco Rispoli, direttore generale Radiolabs.

L’evento costituirà un’opportunità di promozione dell’ecosistema di ricerca e innovazione abruzzese in tema di tecnologie per la mobilità del futuro, che include, oltre UnivAQ e al suo centro di eccellenza Ex-EMERGE, strutture consortili pubblico-private (Radiolabs), grandi aziende quali Leonardo, Telespazio e il Polo Automotive della Val di Sangro, e che è sostenuto nel contesto nazionale da Presidenza del Consiglio dei Ministri (programma RESTART), MiSE, Regione Abruzzo e Agenzia Spaziale Italiana, nonché da un finanziamento strutturale dell’Agenzia spaziale europea (ESA) sul programma NAVISP-3.

L’evoluzione dei sistemi di trasporto verso un grado di automazione che migliori le condizioni di sicurezza complessiva, con contestuale riduzione di consumi energetici e livello di emissioni nocive, è un elemento cardine nell’agenda di sviluppo nazionale e internazionale. L’esempio più recente è costituito dal PNRR e riguarda sia l’evoluzione delle infrastrutture (smart road and rails) che l’evoluzione dei veicoli. In questo contesto l’Innovation Talk proposta è organizzata in interventi che muovono da aspetti di visione strategica per puntare poi ai temi innovativi della progettazione e della formazione.

In questo ambito di ricerca, tra le iniziative portate avanti nei laboratori dell’Università dell’Aquila, c’è il progetto EMERGE, coordinato da Radiolabs, in partnership con Leonardo, Telespazio e Elital, per il quale è stato siglato un accordo di innovazione con il Ministero dello Sviluppo economico e la Regione Abruzzo. Il progetto mira a prototipare e verificare su campo una piattaforma da installare a bordo veicolo che integri sistemi avanzati di comunicazione per la guida connessa, cybersecurity e localizzazione a elevato livello di integrità.

La piattaforma, tra le prime in Europa a sfruttare la geo-localizzazione del sistema Galileo, verrà sviluppata all’Aquila e sarà integrata a bordo di veicoli Ducato di FCA. Le funzionalità avanzate di navigazione della piattaforma verranno quindi sperimentate implementando sia scenari operativi di tutti i giorni (consegne a domicilio, trasporto materiale sanitario e altre operazioni logistiche) che di supporto alla gestione delle emergenze (ad esempio operazioni di pronto soccorso o in casi di eventi catastrofici).

Una delle evoluzioni dell’iniziativa EMERGE è rappresentata dal progetto P-CAR, coordinato da Radiolabs e finanziato da ESA tramite un finanziamento ASI sotto il programma NAVISP 3.

P-CAR si pone l’obiettivo di realizzare un laboratorio per il test e la validazione delle tecnologie di posizionamento per l’auto a guida connessa e autonoma e per le infrastrutture stradali “intelligenti”. Il Laboratorio P-CAR – avvalendosi di infrastrutture di virtualizzazione per connettere altri centri fisicamente distanti – verrà integrato nel Centro di Eccellenza (Ex-EMERGE) per i veicoli Geo-localizzati, Connessi e Cyber-sicuri dell’Università dell’Aquila, rappresentando un pilastro della strategia della Regione Abruzzo che ospita importanti centri satellitari, stabilimenti per la produzione di veicoli e progetti a elevato contenuto innovativo.

Le tematiche di ricerca condotte nelle iniziative sopra descritte (ma non solo) verranno illustrate e descritte nel corso dell’evento del 30 gennaio, durante il quale i docenti e gli studenti dell’Università dell’Aquila, insieme ai ricercatori del consorzio Radiolabs, forniranno una base organica sui principali driver in tema di scenari applicativi, tecnologie abilitanti di comunicazione e localizzazione sicure, fino ad arrivare al ruolo del machine learning e dell’intelligenza artificiale come elementi portanti per applicazioni di navigazione avanzata e collaborativa.

 


Print Friendly and PDF

TAGS