L’Ordine dei giornalisti al manager della Asl1: “E’ la malasanità che uccide, non la stampa”

di Redazione | 02 Dicembre 2020 @ 18:59 | ATTUALITA'
testa l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La replica dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo a Roberto Testa (in foto), manager della Asl 1, che quest’oggi aveva dichiarato che “la parole uccidono più del virus”. Di seguito il comunicato dell’Ordine dei Giornalisti, a firma del presidente Stefano Pallotta:

“La malasanità uccide purtroppo quasi ogni giorno e i giornalisti si limitano a raccontare i fatti, assolvendo ad un loro doveroso obbligo. I numeri sull’emergenza Covid della provincia dell’Aquila, nella loro oggettività e al di là delle opinioni, hanno fatto emergere una situazione molto grave sullo stato dei servizi sanitari. In particolare, le forti carenze dell’Ospedale di Avezzano, dove sono morte due persone a bordo di ambulanze in attesa di essere assistite, sono state denunciate da testate e quotidiani nazionali. Non sono fake news queste; non è disinformazione questa. Semmai va constatata una pressoché assenza della comunicazione della Asl ai media. Un vuoto imperdonabile in un momento in cui l’emergenza richiederebbe una costante informazione ai cittadini. I giornalisti continueranno a svolgere con rigore critico la loro professione. Non saranno le intimidazioni, più o meno velate, a fermarli. L’etica della responsabilità è loro ben chiara”.


Print Friendly and PDF

TAGS