Londra, il miele di Luca Finocchio vince 4 medaglie d’oro

di Redazione | 13 Luglio 2022 @ 14:44 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

 LONDRA  –  Per il terzo anno consecutivo arrivano riconoscimenti importanti al London Honey Award a Luca Finocchio che vince 4 medaglie d’oro. Arancio, millefiori delle montagne d’Abruzzo, coriandolo e sulla: sono i quattro mieli vincitori del premio internazionale dedicato ai mieli di qualità promosso da Confexpo, società londinese impegnata nella promozione dei brand desiderosi di un posizionamento a livello globale. Le medaglie sono state ritirate personalmente da Luca Finocchio, nel corso dell’evento di premiazione che si è svolto lo scorso 9 luglio a Londra, all’Ilec Conference Center.

Continua, così, l’affermazione dell’azienda tornarecciana anche a livello internazionale: per il terzo anno consecutivo, infatti, è riuscita ad ottenere un significativo consenso in una competizione che vede la partecipazione di centinaia di produttori da tutto il mondo. Competizione, peraltro, molto impegnativa: la giuria, composta da assaggiatori professionisti, giudica i mieli in gara “alla cieca”, senza alcun riferimento che possa contribuire a individuarli, lasciandosi conquistare solo da elementi organolettici come aroma, profumo, consistenza e via dicendo.

Il premio londinese, così, va ad aggiungersi agli altri riconoscimenti ottenuti in contesti internazionali come New York, Bruxelles, Singapore, oltre ai numerosi premi ricevuti in Italia.

“In un anno difficile come quello che stiamo affrontando per via dei cambiamenti climatici – commenta Luca Finocchio – questo premio ci gratifica molto, anche perché è stato assegnato a mieli molto identitari non solo per la nostra azienda ma anche per l’intero Abruzzo. Ne andiamo particolarmente orgogliosi. È sempre più evidente, quindi, che quando si parla di Tornareccio, di Abruzzo e di Made in Italy nel mondo, accade anche grazie ai nostri mieli, ormai da anni in prima linea nella promozione della nostra regione. Grazie di cuore alla giuria e a quanti scelgono la bontà e la genuinità dei nostri prodotti”


Print Friendly and PDF

TAGS