Lo spettaccolo “Clitemnestra” alla rassegna “I Cantieri dell’immaginario”

di Redazione | 12 Luglio 2021 @ 14:40 | EVENTI
locandinaicantieridellimmaginario2021clitemnestra
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Debutta a L’Aquila, giovedì 15 luglio 2021 nella splendida scalinata di San Bernardino, alle ore 21,30 nell’ambito del festival “I Cantieri dell’Immaginario”, la nuova produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo “Clitemnestra”, primo appuntamento della trilogia “Letteratura in scena”.

“Ho dimestichezza con l’odore dellateatr morte e del sangue…” Così incomincia la narrazione al pubblico contemporaneo di Clitemnestra, regina di Micene e assassina di Agamennone suo marito, scritta per l’occasione da Luciano Violante. Assassina per vendetta o assassina per giustizia?
È la questione posta da Violante nel disegnare la sua Clitemnestra che viaggia dal mito alla contemporaneità sorretta da un fraseggio tragico che scolpisce le parole sulla declinazione di una storia di un esilio perpetuo post mortem.
È un canto nel dolore di una madre che ha subito l’ingiusto sacrificio di Ifigenia per mano dell’ambizioso padre, è un canto della purificazione perché condannata a vagare nell’eterno nulla al fine di emendare un omicidio non accettabile nell’alveo del moderno patriarcato occidentale.
A dare voce al personaggio sarà Viola Graziosi, affermata attrice con all’attivo grandi interpretazioni nel teatro classico e contemporaneo, diretta dal regista Giuseppe Dipasquale.

VIOLA GRAZIOSI
Debutta giovanissima con Ofelia nell’Amleto di Cecchi. Si diploma al Conservatoire National d’Art Dramatique di Parigi. Lavora tra Francia e Italia sempre in ruoli di rilievo con i maestri della scena europea. È La Regina nel Ruy Blas di Victor Hugo diretta da Marcel Maréchal, Maria Stuarda nell’omonimo spettacolo con la regia di Marco Lucchesi, Pentesilea in una performance olofonica diretta da Renzo Martinelli, Elena di Troia al Teatro Greco di Siracusa per la regia di Muriel Mayette-Holtz. Intensa la collaborazione con l’attore e regista Graziano Piazza che la dirige in diversi spettacoli Intervista (Premio Adelaide Ristori), Misura X Misura, Elena tradita e assoli tra cui Aiace, Orfeo ed Euridice, Offelia Suite (premio Actress of Europe 2020), The Handmaid’s Tale tratto da Il racconto dell’Ancella di Margaret Atwood.
Attualmente è la protagonista della Fedra di Seneca con la regia di Manuel Giliberti.
Nel cinema esordisce giovanissima con Francesca Comencini in Le parole di mio padre (Cannes 2001). È diretta da Pupi Avati, Alessio Liguori, Alberto Bennati. Vince il premio miglior attrice non protagonista al San Benedetto Film Fest per The fragile friend (2020) di Salvatore Vitiello. Partecipa a varie fiction tv tra cui Distretto di polizia, Un passo dal cielo, L’isola, L’allieva 2.
È una delle voci di punta di audiolibri in Italia (Certificato di eccellenza Audible Studios 2019 e 2020). Tra gli altri è la voce dei romanzi di Isabel Allende e Sibilla Aleramo.


Print Friendly and PDF

TAGS