Lite tra extracomunitari, arrestati entrambi per resistenza e lesioni a P.U.

di Redazione | 17 Marzo 2022 @ 11:27 | CRONACA
7
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  La sera del 15 marzo il personale della Squadra Volanti è intervenuta presso un centro commerciale per una lite tra due extracomunitari di circa trent’anni. La lite tra i due, violenta, intimoriva le numerose persone che tentavano di accedere al supermercato e di conseguenza è intervenuta la Polizia. Eppure, durante l’intervento, mentre si tentava di bloccare i contendenti, uno dei due è fuggito mentre l’altro ha estratto un coltello con il quale ha minacciato gli agenti. Gli operanti, per evitare che la situazione degenerasse ulteriormente, hanno deciso di utilizzare lo spray urticante in dotazione neutralizzando l’aggressore in evidente stato di ebrezza, bloccandolo a terra anche grazie all’intervento di un Ispettore di Polizia che, libero dal servizio, si trovava nei pressi delle casse del supermercato. Lo straniero è stato di conseguenza disarmato ed immobilizzato ma, nella colluttazione, due agenti sono rimasti lievemente feriti ricorrendo successivamente alle cure mediche al Pronto Soccorso. Dopo circa due ore dai fatti una seconda volante ha individuato in un’altra zona cittadina il secondo straniero coinvolto nella lite fuggito per sottrarsi all’intervento dei poliziotti per poi accompagnarlo in questura così da procedere con la sua identificazione. Quest’ultimo, in un evidente stato di agitazione ed urlando frasi incomprensibili verso gli agenti, prima di accedere agli uffici della Questura ha tentato più volte di colpire i poliziotti con estrema aggressività. Foto-segnalati e compiutamente identificati, i due extracomunitari sono stati tratti in arresto per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. All’esito dell’udienza di convalida, sono state attivate le previste procedure da parte dell’Ufficio Immigrazione e gli arrestati, clandestini sul territorio nazionale, nella giornata odierna su disposizione del Questore di L’Aquila sono stati accompagnati presso un C.P.R. per la loro espulsione. 


Print Friendly and PDF

TAGS