L’intervista a Federico Vittorini: “La memoria non è un pianto, è cemento per il futuro”

di Matilde Albani | 06 Aprile 2021 @ 15:44 | ANNIVERSARIO
Federico Vittorini
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – L’intervista a Federico Vittorini, figlio di Vincenzo, che la notte del 6 aprile ha perso la madre e la sorella. Oggi Federico è uomo, vive e studia all’Aquila ed ha una grande passione per la musica. “Nel quotidiano parlo sempre di madre e mia sorella” spiega Federico che insieme al padre ha attraversato questi 12 anni.  “E’ necessario però fare di ogni evento, anche il più doloroso e catastrofico un punto di forza”. “Non dobbiamo essere vittime del tempo, ci prendiamo gioco del tempo andando a scavare dentro di noi perché qualcosa rimane sempre dentro di noi”. Un appello alla consapevolezza quello di Federico che, nel quasi terminato Piazzale della Memoria, invita tutti a frequentarlo quando sarà finito: “Non è un luogo solo per i parenti delle vittime, ma per tutta la città”.


Print Friendly and PDF

TAGS