L’Aquila, violenza sessuale su una 13enne: l’imputato chiede i lavori utili

Il fatto avvenne a ridosso dei portici di San Bernardino, in pieno centro storico. Altri tre i casi di tentativi di abusi sessuali a lui rinconducibili

di Redazione | 26 Maggio 2022 @ 09:18 | CRONACA
abusi
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Attraverso il suo legale, il ragazzo di 15 anni arrestato a dicembre con l’accusa di aver violentato una ragazzina di 13 anni nella zona dei portici di San Bernardino all’Aquila ha chiesto la messa alla prova, ossia la sospensione del processo a suo carico, attraverso lo svolgimento di lavoro di pubblica utilità e la piena riparazione delle conseguenze del reato. A riportarlo è il quotidiano ‘Il Centro’. La richiesta è stata avanzata ieri durante la prima udienza che si è svolta al tribunale dei minorenni dell’Aquila. Il giudice deciderà a settembre.

Il fatto è avvenuto in pieno centro storico. Proprio la giovane aveva riferito alle forze dell’ordine di essere stata abusata sessualmente. Le indagini della questura hanno portato a rilevare tre precedenti episodi di tentativo di abuso sessuale compiuti dal 15enne, tra cui anche il tentativo di una rapina sempre ai danni di una minorenne, sventato solo dall’intervento dei suoi amici.


Print Friendly and PDF

TAGS