L’Aquila, via libera al Regolamento del verde. Parola al consiglio

di Alessio Ludovici | 09 Novembre 2023 @ 05:00 | AMBIENTE
fore
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Approvato finalmente in giunta il Regolamento del verde della città dell’Aquila. L’ultima parola, dopo gli iter in commissione, sarà ora del consiglio comunale.

Del regolamento, che prima non esisteva, era stata elaborata una prima bozza dagli uffici del settore Transizione Energetica e Protezione Civile. Dopo è stato sottoposto ad una fase partecipativa, curata dall’Urban Center dell’Aquila che ha organizzato tavoli ed eventi di approfondimento da cui sono usciti tanti spunti dei cittadini, alcuni presi in considerazione dal documento finale approvato in giunta, altri meno.

Il regolamento è un atto atteso e un indubbio punto di partenza per una nuova politica del verde di una città che, tranquillamente, potrebbe candidarsi a diventare una vera città giardino. Intanto il testo va a disciplinare tutta una serie di aree, si tratta di parchi pubblici, viali, aree verdi attrezzate e in generale la gestione della manutenzione delle alberature di città che tanto fanno discutere quando ci sono, ma spesso erano oggetti di interventi drastici, antiestetici e poco funzionali per il benessere del cittadino che ormai, con i cambiamenti climatici in atto, cerca la frescura in zone ombreggiate.

Particolare attenzione è posta all’educazione e al coinvolgimento della cittadinanza. Il regolamento sottolinea sia l’importanza di iniziative esistenti, come la giornata nazionale dell’albero, sia attraverso la partecipazione civica dei cittadini che il Comune si impegna a promuovere.

Il regolamento fissa anche dei primi obiettivi di valorizzazione del verde urbano con particolare riguardo, ad esempio, alle aree parcheggio alla lotta alle specie infestanti.

Il regolamento fissa inoltre requisiti e modalità per le richieste di abbattimento. In particolare si specifica quali sono gli alberi sottoposti a tutela e in quali casistiche è possibile chiederne l’abbattimento. Vietate, infine, le capitozzature selvagge che oltre che antiestetiche non fanno altro che indebolire la struttura della pianta.


Print Friendly and PDF

TAGS