L’Aquila, un successone l’incontro degli studenti con Marco della Fondazione Michele Scarponi

di Redazione | 05 Maggio 2021 @ 12:51 | SPORT
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Una giornata dedicata a sensibilizzare gli studenti delle scuole medie e superiori alla sicurezza stradale e anche alla tutela dei ciclisti.

Marco Scarponi, uno dei fondatori della Fondazione Michele Scarponi, dedicata al compianto campione di ciclismo che rimase vittima di un incidente stradale la mattina del 22 aprile 2017, investito da un furgone, mentre si preparava al Giro d’Italia, sulle strade della sua Filottrano (Ancona).

La Fondazione lavora creando e finanziando progetti che hanno come fine l’educazione al corretto comportamento stradale, a una cultura del rispetto delle regole e dell’altro. Ad iniziative che hanno al centro l’utente fragile della strada e della società.

Prima dell’incontro con gli studenti, si è tenuta una conferenza stampa.

“Siamo onorati della presenza di Marco Scarponi – ha detto il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi – perché è importante parlare di queste tematiche. Se guardiamo i numeri della nostra città potremmo stare tranquilli, visto che negli ultimi 3 anni si è registrato solo un morto, ma è sempre tanto e dobbiamo arrivare che non ci siano più deceduti sulle nostre strade e anche quelle d’Italia. Nel frattempo, insieme all’assessore comunale Carla Mannetti, stiamo lavorando per cercare sempre di più vivibile il capoluogo. Sono state create diverse “Zona 30″ e stiamo realizzando alcune piste ciclabili. Altro dato importante è che l’amministrazione ha concesso dei fondi a chi acquistava una bicicletta e al Comune sono arrivate ben 1.200 richieste. Un buon successo se si considera che i residenti in città sono 70mila. Marco Scarponi sei stato ospite da noi anche per il Giro d’Itala del 2019 e hai lasciato tante sensazioni bellissime”.

Il coordinatore della tappa dell’Aquila Vittorio Fabrizi ha aggiunto: “Un plauso per Marco Scarponi che girà per l’Italia per lanciare dei buoni messaggi. Intanto il Comune deve continuare a realizzare le infrastrutture che si erano ideate, quando ero assessore comunale, insieme alla Mannetti e al sindaco Biondi, ma sono sicuro che proseguiranno, visto che erano nelle loro idee.

All’incontro con gli studenti sono stati presenti anche gli assessori comunali Mannetti e Francesco Bignotti (“questo incontro è importante, perché con i ragazzi si può gettare un seme e, quando saranno adulti, potranno a loro volta sensibilizzare le persone alla sicurezza stradale”).

Michele Scarponi ha dichiarato di essere onorato dell’accoglienza ricevuta e “tutte queste belle parole dovevano essere per Michele e non le dovevo prendere io. Comunque un segnale che Michele è ancora amato da tante persone. Marco è stata una persona disponibile, campione e gregario di lusso, educato ed esemplare in bici e giù dalla bici. Ha saputo unire nel dolore un Paese intero che si è fermato tramortito una mattina di aprile mentre già si respirava l’aria profumata della corsa rosa. Ora con il suo nome vogliamo promuovere la sicurezza stradale e la tutela degli utenti più deboli, quelli su due ruote, al fine di invertire una tendenza inaccettabile che vede più di duecentocinquanta vita umane perse ogni anno sull’asfalto, dato agghiacciante che non tende a diminuire. Dobbiamo cercare di cambiare una brutta cultura: chi va in auto pensa solo alla velocità e non alla sua sicurezza e degli altri. Altre criticità sono legate all’uso del telefonino, mentre si guida o addirittura sotto le sostanze stupefacenti o dopo aver bevuto”.


Print Friendly and PDF

TAGS