L’Aquila, torna il Gringolts Quartet di Zurigo con la violista Lily Francis

Primo concerto dell’integrale dei quintetti per archi di Mozart

di Redazione | 01 Dicembre 2023 @ 11:45 | EVENTI
Gringolts Quartetto
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Torna ospite nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, uno dei quartetti che si sta maggiormente imponendo nella scena internazionale, grazie ad una riconosciuta qualità tecnica, esecutiva ed artistica e alla scelta di proporre programmi tematici dedicati ai grandi compositori: il Quartetto Gringolts.

L’appuntamento è all’Auditorium del Parco, domenica 3 dicembre con inizio alle ore 18.
Al celebre quartetto è stata affidata l’esecuzione integrale dei sei quintetti per archi di Mozart, che prevedono in organico due violini, due viole e un violoncello. Per questo al quartetto viene affiancata la violista Lily Francis straordinaria interprete americana che vive ora in Austria. È stata finalista nel 2009 al Concorso ARD di Monaco e ha suonato con molte orchestre tedesche, poi è stata membro della Società di Musica da Camera del Lincoln Center e nel 2017 è stata nominata professore al Mozarteum di Salisburgo come docente di violino.

Il Quartetto Gringolts, costituitosi a Zurigo nel 2008, è formato da eccellenti musicisti che suonano preziosi strumenti italiani, a partire dal suo primo violino da cui prende il nome, Ilya Groingolts. vincitore nel 1998 del Premio Paganini, che suona uno Stradivari del 1718.
Il secondo violino Anahit Kurtikyan ha uno strumento firmato Camillo Camilli del 1733. La violista Silvia Simionescu una viola di Jacobus Januarius del 1660, il violoncellista Claudius Hermann uno straordinario violoncello Maggini del 1600, appartenuto in passato al Principe Galitsin, intimo amico di Beethoven, che per primo eseguì gli ultimi quartetti del grande compositore tedesco su questo strumento.

In programma in questo primo appuntamento dell’integrale i seguenti tre quintetti di Mozart: il primo Quintetto in Si bemolle maggiore K 174 composto da Mozart a soli 17 anni, il terzo e quarto ovvero il Quintetto in Do maggiore K 515 e il Quintetto in Sol minore K 516 realizzati entrambi nell’arco di poco più di un mese, aprile-maggio 1787. Gli altri quintetti della serie saranno eseguiti in concerto nella prossima stagione della Barattelli.


Print Friendly and PDF

TAGS