L’Aquila, Taranta su messa in sicurezza del territorio: “Limitare criticità idrogeologiche”

di Redazione | 16 Febbraio 2021, @12:02 | POLITICA
Taranta su messa in sicurezza del territorio: "Limitare criticità idrogeologiche"
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Le avverse condizioni meteorologiche di questi giorni hanno causato qualche criticità idrogeologica per il nostro fiume Aterno. La lettura dei livelli idrometrici della rete in telemisura del fiume ha segnalato, in qualche caso, il superamento della soglia di allarme ed una graduale crescita; allerta che, fortunatamente, è andata man mano rientrando”.

Lo afferma l’assessore all’Ambiente e Protezione Civile, Fabrizio Taranta, che aggiunge: ” Le precauzioni prese dai ns. tecnici del Settore Ambiente, nei mesi scorsi, per quanto di nostra competenza, hanno limitato, di fatto, le criticità, le stesse che in passato avevano arrecato seri danni al ns. territorio. Nell’ambito dell’accordo quadro per i lavori sui corsi d’acqua e fossi di competenza del Comune dell’Aquila. Nell’anno 2020 – spiega – nonostante la ridotta attività causata dall’emergenza sanitaria in corso, sono stati eseguiti diversi interventi come la ripulitura degli argini del fiume Aterno, sia nei pressi delle 99 Cannelle, che in quelli della pista ciclabile di Monticchio; la ripulitura dei fossi di Preturo, Pettino, Paganica Raiale e Bagno Riaccio; oltre ad altri piccoli interventi localizzati su piante pericolanti, intercettate grazie alla pronta segnalazione dei nostri attenti cittadini.

“Naturalmente abbiamo in programma di effettuare altri interventi al fine di mettere in sicurezza l’intero territorio. Inoltre sono previsti degli ulteriori incontri, dei percorsi di ascolto, dedicati ai cittadini delle frazioni, al fine di venire incontro alle loro istanze. Il prossimo incontro, visto il protrarsi dell’emergenza sanitaria, si terrà su piattaforma ‘Zoom’, sabato 20 febbraio, con i residenti di Sassa, che da tempo lamentano lo stato di alcuni fossati che, con le forti piogge, causano allagamenti, nonché lo stato del cimitero della popolosa frazione e l’annoso problema dell’abbandono dei rifiuti”, conclude Taranta.

 


Print Friendly and PDF

TAGS