L’Aquila, successo di 80° minuto, trasmissione di Rugby L’Aquila

di Redazione | 11 Marzo 2022 @ 11:38 | SPORT
minuto
Print Friendly and PDF

l’AQUILA  –  La prima puntata di ‘80° minuto’,  trasmissione che accompagnerà l’avventura sportiva della Rugby L’Aquila fino a fine campionato ha riscosso un grande apprezzamento, ed è destinata a diventare l’appuntamento fisso del mercoledì alle ore 19,  visibile sulla pagina facebook di Rugby L’Aquila. I protagonisti della prima puntata sono il presidente Mauro Scopano, amministratore dell’Aterno Gas & Power, l’head coach Massimo Di Marco, il pilone Alessio Di Febo, il pilone e tallonatore Giacomo Lepidi. A condurre il giornalista Filippo Tronca.

“Il rugby è nel dna della nostra città – ha spiegato Scopano -, e con ’80° minuto’, abbiamo inteso aggiungere un altro tassello al nostro progetto  non solo sportivo, ma anche sociale, che stiamo cercando di portare avanti da sette mesi. La trasmissione servirà  proprio per mettere in comunicazione la squadra e la società, con i tifosi  e gli appassionati, anche durante la settimana, per commentare il  risultato dell’ultima partita, per ragionare insieme su punto di forza e debolezza in un ottica di partecipazione e condivisione”.

Dopo una vittoria netta contro la Primavera Roma, la Rugby L’Aquila affronterà domenica prossima l’Unione Rugby Capitolina, capolista a 5 punti assieme alla giovane compagine del capoluogo, nel girone 11 della seconda fase del campionato di Serie C. Il mister Di Marco, parlando della scorsa partita ha evidenziato che “la squadra ha risposto bene, e il risultato parla chiaro, non era scontato dopo la lunga pausa, scattata da metà dicembre a causa dell’emergenza covid. Detto questo, c’è ancora da migliorare, sia sotto l’aspetto tecnico, ma anche e soprattutto nella lettura della gara. La nostra è del resto una squadra molto giovane, sia dal punto di vista anagrafico che di esperienza agonistica, e occorre lavorare, assieme tutto lo staff, per consolidarci, proiettati al futuro”.

Il  26enne aquilano Lepidi, autore di una bella meta al 2° minuto ha invece così commentato il suo essere stato insignito del titolo di “man of the match”: “Il merito non è mio, ma del gruppo: un singolo giocatore può far poco, se non finalizzare e mettere a frutto quello che un lavoro di squadra. Concordo con il mister,  c’è ancora molto da migliorare, ritengo però che domenica sia stata una bellissima partita, la mischia in particolare si è fatta valere,  e personalmente sono ottimista, tenuto conto del crescendo che ci ha accompagnato. Siamo una realtà che secondo me può competere per arrivare lontano”.

Alessio Di Febo, pescarese di 23 anni, con un recente passato  nelle giovanili nel Sambuceto e nella Gran Sasso Rugby, a L’Aquila è arrivato innanzitutto come studente di ingegneria, ed ora è prossimo alla laurea.  “In questa città mi sono trovato benissimo sin dal primo momento, e sono davvero contento di militare ora nella Rugby L’Aquila, con i compagni di squadra c’è un ottimo rapporto, che va oltre il campo di gioco, del resto siamo una squadra giovane, ed è più facile socializzare. All’inizio non è stato facile conciliare lo studio con l’attività sportiva, ora però sono riuscito ad organizzarmi al meglio, e sono contento della scelta che ho fatto”.


Print Friendly and PDF

TAGS