L’Aquila, Spazio Rimediato: “Urla dal Confine”

di Redazione | 01 Dicembre 2022 @ 11:38 | EVENTI
Spazio rimediato
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Nuovo appuntamento della stagione “Tutto il superfluo necessario 2022” con il progetto Osso Sacro: un progetto di ricerca, rielaborazione e riposizionamento delle narrazioni orali e sonore del territorio sannita, nato dall’unione artistica tra il Poeta e Performer Vittorio Zollo e il polistrumentista Corrado Ciervo. Dalle colline del Sannio aggrappate alle frane, dall’ultima scoria della miseria  umana, il loro primo lavoro si intitola “Urla dal Confine”, ed è l’ultimo atto con il quale si chiude l’ideale “Trilogia della ruralità” concepita da Vittorio Zollo. Le vicende parlate, suonate, cantate e performate si basano su fatti  realmente accaduti, ricollocati dal Poeta Zollo. Corrado Ciervo, artefice di  ogni produzione musicale e micro-sfumatura sonora, recupera e riposiziona le sonorità del territorio sannita. La risultante è un disco metastorico, una performance mitopoietica in cui  tutto accade in un tempo altro e in una zona non ordinaria. Le “Urla dal confine” sono le grida mute che giungono dai margini di ogni paese, borgo o periferia. È l’intero globo in una sola contrada, precisamente ai confini tra  Regno di Napoli e Stato Pontificio. “Urla dal Confine” è un rituale arcaico e ciclico nel quale riecheggia il mito di Persefone, giovane rapita e stuprata da Ade, prete del paese. Tra la disperazione di sua madre Demetra che “canta sul tamburo”, e il contrappasso di suo padre, “l’infelice monarca”; tanti i volti sfocati e numerose le voci strozzate che ci giungono dalla marginalità delle aree interne, luoghi in cui il mito, sempre originario, non morirà mai. Da “Il verme nella mela” ad “Anna ‘a beat”, da “Le serpi di San Domenico” a “Le catene di Persefone”, questo lavoro è stato possibile grazie alla supervisione del “Munaciello” Carlo Ciervo, e vede la partecipazione di voci consapevoli e inconsapevoli tra le quali: Dennj De Nisi, Alfredo D’Ecclesiis, Wissal Houbabi e Toi Giordani.


Print Friendly and PDF

TAGS