L’Aquila: risarciti tutti i familiari dell’elisoccorso precipitato nel 2017

di Redazione | 12 Aprile 2023 @ 12:54 | ATTUALITA'
incidente elisoccorso
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si è chiusa la dolorosa parentesi sui risarcimenti danni in relazione all’incidente aereo che il 24 gennaio del 2017 ha portato alla morte di Valter Bucci medico rianimatore del 118, Davide De Carolis tecnico del Soccorso alpino, Giuseppe Serpetti infermiere del 118, Mario Matrella tecnico verricellista Inaer, Gianmarco Zavoli pilota Inaer e Ettore Palanca, romano, soccorso dopo una frattura.

E’ quanto si legge nelle pagine del quotidiano Il Messaggero in merito alla vicenda giudiziaria legata all’incidente del 24 gennaio del 2017 in cui un elicottero del 118 precipitò dopo aver recuperato un ferito su un campo da sci a Campo Felice. L’elicottero del 118 diretto all’ospedale dell’Aquila si schiantò su monte Cefalone a Campo Felice.

Recentemente l’avvocato Amedeo Ciuffetelli, dopo circa sei anni di contenzioso civile, è riuscito far riconoscere dal punto di vista economico alla compagna di De Carolis e di Bucci (per i familiari delle altre vittime la vicenda si era già chiusa con i risarcimenti) quanto loro dovuto per l’improvvisa perdita dei due compianti soccorritori che insieme agli altri membri dell’equipaggio vengono ricordati anno dopo anno dal mondo del soccorso, dal volontariato e non solo, con una serie di iniziative.

Un’azione civile dolorosa ma necessaria visto l’iniziale diniego da parte dell’assicurazione di riconoscere il legame sentimentale e dunque famigliare che intercorreva tra i deceduti e le compagne. La conclusione civilistica del grave incidente aereo segue una prima battaglia legale portata avanti dallo stesso Ciuffetelli e dall’avvocato Gennaro Lettieri del Foro di Teramo secondo i quali la causa dell’incidente dell’elicottero doveva essere ricercata su altre figure interne alla società che all’epoca svolgeva per conto della Asl dell’Aquila il servizio aeromobile di soccorso su tutta la provincia aquilana e in quella di Teramo. Dopo l’archiviazione del procedimento penale hanno avviato l’interlocuzione con l’assicurazione spagnola e infine i risarcimenti ai famigliari delle vittime secondo una precisa tabella presa come riferimento giurisprudenziale.


Print Friendly and PDF

TAGS