L’Aquila, Pietrucci su sollecitazioni a Giunta: “Buoni risultati. Adesso altre sfide da affrontare”

di Redazione | 03 Novembre 2020 @ 16:05 | POLITICA
mariani
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Cominciano a vedersi gli effetti delle sollecitazioni nei riguardi della Giunta regionale. L’opposizione è monitoraggio, contrasto, stimolo, ma anche proposta per migliorare e superare criticità del territorio abruzzese”.

Così Il consigliere Pierpaolo Pietrucci che aggiunge: “Con la delibera di Giunta del 27 ottobre 2020 n. 468 arrivano finalmente risorse concrete per gli interventi da me inseriti – tramite emendamenti all’interno del “Cura Abruzzo” – a favore della montagna, della cultura e dello sport.  Si tratta di interventi che vanno dal ristoro a fondo perduto ad una programmazione ben più ampia che darà risultati anche nei tempi a venire. In particolare si prevede un aiuto economico, pari a 3.000.000 di euro, a tutte le attività culturali con priorità a quelle finanziate dal Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS), dal Fondo Unico per il Cinema e l’Audiovisivo e alle società e associazioni sportive che strenuamente resistono cercando di fronteggiare gli effetti del COVID-19. 

“Sempre in chiave culturale, turistica ed economica – prosegue – si continuerà a investire con l’istituzione della Fondazione Film Commission d’Abruzzo: un percorso iniziato dai banchi della maggioranza nella passata legislatura e che ora sarà dotato di un strumento fondamentale – la Fondazione – in grado di sostenere, coordinare e sviluppare l’Abruzzo Film Commission. L’obiettivo è quello di continuare a creare una struttura che a tutto campo sia in grado di promuovere i paesaggi abruzzesi come set per le produzioni cinematografiche e televisive, e supportarle con la fornitura dei servizi in loco, privilegiando le maestranze e le attività locali, vale a dire creando economia e opportunità sui territori.  Con le risorse attribuite alla REASTA – Rete Escursionistica, Alpinistica, Speleologica e Torrentistica d’Abruzzo verrà rifinanziato il progetto, nato nel 2016 con la Legge regionale n. 42, per dare impulso a una fruizione sicura della montagna con il coinvolgimento di tutte le associazioni degli operatori e dei professionisti del settore, in coerenza con la strategia dello sviluppo sostenibile e del turismo ambientale nell’intera regione e nelle aree Parco. Una programmazione che mira a dare una sempre maggiore sicurezza a chi frequenta la montagna, la natura e i nostri borghi, anche alla luce dello straordinario aumento dei flussi turistici registrati negli ultimi anni ed esplosi questa estate anche in risposta alla pandemia. Questi risultati sono la dimostrazione che le buone proposte, da qualunque parte provengano, andrebbero
prese in considerazione e sostenute. Sempre”.

“La mia battaglia, oggi vinta per settori strategici della Regione – conclude – dà sollievo a questi comparti, ma anche tanta forza per continuare nelle battaglie aperte di questi giorni: i Centri diurni per disabili non accreditati
e le associazioni di promozione sociale meritano anch’essi risorse immediate per il lavoro immenso che stanno continuando a svolgere contro gli effetti nefasti del Covid-19 a favore delle fasce più deboli. Per questo la mia attenzione sarà sempre alta, affinché nessuno sia lasciato indietro”.


Print Friendly and PDF

TAGS