L’Aquila, parte il progetto “Conta fino a 6: Apri la tua finestra alla bellezza”

di Redazione | 22 Maggio 2023 @ 11:29 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Il 16 maggio scorso ha preso il via, con la sua fase iniziale di avvio e formazione, il progetto “Conta fino a 6: apri la tua finestra sulla bellez za!” grazie al quale i bambini da 0 a 6 anni e le loro famiglie avranno l’opportunità di partecipare gratuitamente ad attività ludico educative e formative in un luogo meraviglioso come l’Ape Tau a Coppito dove verrà attivato il primo Centro Comunale per Bambini e famiglie. Il servizio sarà gratuito e dedicato a tutti i bambini 0/6 residenti nel Comune dell’Aquila. Partner del progetto sono l’Associazione Brucaliffo, capofila del progetto, assieme all’Associazione culturale Atelier Kontempo’raneo, l’Associazione culturale Nati nelle Note, l’Associazione di promozione sociale Montessori Brescia, il Comune dell’Aquila, il Consultorio Familiare CIF L’Aquila Onlus, la Cooperativa Sociale Bubusettete, la Pro Loco di Coppito e l’Università degli studi dell’Aquila. Il progetto, che aprirà al pubblico i suoi servizi a partire dal mese di ottobre, si svilupperà per 24 Mesi con differenti offerte e laboratori. La strategia complessiva dell’intervento prevede un graduale coinvolgimento delle famiglie per mezzo di feste di benvenuto per i neonati, eventi culturali, attività artistiche ludico- espressive per bimbi e genitori assieme, biblioteca dei piccoli, percorsi formativi tematici, sportello psico- socioeducativo per i genitori, spazio nido rivolto ai bambini da soli e spazio culturale auto-gestito dalle famiglie. “L’educazione alla bellezza, il coinvolgimento delle famiglie e dell’intera comunità educante, assieme all’elevata professionalità e motivazione di tutto il personale, costituisce la base della nostra metodologia di contrasto alla povertà educativa” spiegano gli operatori del progetto. All’interno del Centro per bambini e famiglie dell’Aquila verranno dunque riuniti e integrati i servizi per la prima infanzia allo scopo di aumentare il numero di bambini che afferiscono ai servizi 0-6, tentando così di innescare un cambiamento culturale. Il progetto infatti nasce proprio dalla volontà delle associazioni aquilane “Brucaliffo”, “Nati nelle Note”, “Atelier Kontempo’raneo”, “Ricordo”” di mettere a sistema le competenze acquisite negli anni nell’ambito del contrasto alla povertà educativa minorile, in particolare nella fascia 0-6, contribuendo, attraverso una partnership pubblico privata, alla creazione del primo Centro per Bambini e Famiglie dell’Aquila. L’Amministrazione comunale, l’Università e le associazioni della rete hanno individuato fin da subito la necessità di dare spazio alle famiglie 0-6 riqualificando il bellissimo e tecnologico spazio Ape Tau in disuso da anni, donato al comune nel post sisma come micronido comunale (usato solo per 2 anni) nel meraviglioso parco naturale di Murata Gigotti (quartiere di Coppito). Il bando “Povertà Educativa per le regioni del mezzogiorno” è stata l’occasione per dare concretezza a questa idea e per proseguire la collaborazione iniziata con “Solo Posti in Piedi. Educare oltre i banchi” progetto finalizzato a realizzare la prima ludoteca comunale dell’Aquila, sostenuto dall’Impresa Sociale CON I BAMBINI, iniziato nel 2018 con capofila sempre l’Associazione Brucaliffo. L’importanza di tale progetto è sottolineata dai dati che descrivono la situazione locale proprio sul tema della povertà educativa: la città dell’Aquila, infatti, soffre di problematiche molto specifiche dovute alle conseguenze a lungo termine del sisma del 2009 e quello del 2016, oltre ovviamente all’emergenza pandemica dovuta al virus Covid-19 e tutto ciò che tale emergenza ha comportato. Il progetto, dunque, vuole essere uno strumento per avvicinare la popolazione ai servizi di prossimità dedicati alla specifica fascia dell’infanzia, in particolare guardando all’attenzione verso un approccio culturale volto a un aumento dei servizi e all’accrescimento dell’adesione a questi ultimi da parte delle famiglie. Il progetto è finanziato con i fondi europei del NextGenerationEU per una somma totale di € 249.842,14 fra i progetti socio-educativi strutturati per combattere la povertà educativa nel Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) a sostegno del Terzo Settore nell’ambito del PNRR. Per coloro che hanno intenzione di prendere parte al progetto in qualità di utenti sono già state aperte le preiscrizioni, che possono essere formalizzate compilando un modulo online. Tale procedura permetterà di attivare il servizio e di invitare gli utenti alle attività che verranno intraprese. Si precisa che la preiscrizione non è vincolante.


Print Friendly and PDF

TAGS