L’Aquila, Palumbo: “Che fine ha fatto progetto 2016 per la riqualificazione periferie?”

di Redazione | 13 Maggio 2021, @04:05 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Che fine ha fatto il progetto con cui la precedente amministrazione partecipò nel 2016 al “programma straordinario per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie”, ottenendo dal Governo un finanziamento di 18 milioni di euro? Il progetto prevedeva diversi interventi: la realizzazione di percorsi ciclopedonali pensati per favorire la mobilità in sicurezza degli studenti nelle zone di collegamento con i principali poli scolastici ed universitari, una rete di centri sociali e servizi di quartiere nelle aree periferiche urbane, attraverso la ristrutturazione e il riuso di 10 scuole dismesse (Torretta, Gignano, Sant’Elia, San Sisto, Coppito, San Marco di Preturo, Menzano, Pescomaggiore, Valle Pretara, Tempera), un intervento destinato alla riqualificazione edilizia, urbana e sociale del complesso Erp di San Gregorio e la riconversione di alcuni insediamenti del progetto CASE di Collebrincioni, Arischia e Coppito da destinare a cooperative di giovani, ad anziani e studenti”.

Lo dice il consigliere comunale del Pd all’Aquila Stefano Palumbo

“Purtroppo, a causa del pasticcio compiuto dall’amministrazione Biondi, colpevole della mancata sottoscrizione della convenzione tra Comune dell’Aquila e Presidenza del Consiglio dei Ministri, e della folle decisione del governo gialloverde di definanziare temporaneamente tutti gli accordi non ancora sottoscritti, dal 2018 non se ne ha più alcuna notizia – aggiunge Palumbo -. Stessa sorte è quella toccata al “Parco della Luna” da realizzare all’interno dell’ex ospedale psichiatrico di Collemaggio, progetto per il quale il Comune ha al momento perso i 10 milioni di euro ottenuti dai fondi del Masterplan Abruzzo”.

Palumbo dichiara che “L’attuale Amministrazione comunale sembra disinteressarsi anche del bando di “rigenerazione urbana” che scade il 4 giugno e assegna ai comuni con popolazione da 50mila a 100mila abitanti un contributo di 10 milioni di euro per investimenti in progetti volti alla rifunzionalizzazione di aree e di strutture edilizie pubbliche, al miglioramento della qualità del decoro urbano e alla mobilità sostenibile. Mancano solo 20 giorni al termine ultimo fissato per la presentazione delle richieste, e ancora non è stata formalizzata nessuna proposta con il rischio concreto di perdere anche questa ennesima occasione”.

Palumbo conclude: “Parliamo complessivamente di quasi 40 milioni di euro di risorse che il Comune dell’Aquila avrebbe l’opportunità di destinare alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale che investono in particolare le frazioni e i quartieri cittadini, luoghi al centro dell’attenzione della politica solo in campagna elettorale. Un’opportunità che sarebbe imperdonabile non cogliere e rispetto alla quale mi batterò con ogni mia energia.


Print Friendly and PDF

TAGS