L’Aquila, l’UDU denuncia “Gli studenti vengono di nuovo dimenticati”

La denuncia di UDU per il fatto che quasi 2000 studentesse e studenti risultano idonei non beneficiari a borse di studio.

di Redazione | 01 Febbraio 2022 @ 12:23 | ATTUALITA'
UDU
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Il messaggio del coordinamento regionale di UDU riguardo la garanzia della Regione Abruzzo del diritto allo studio universitario ed altri istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica.

“Come coordinamento regionale UDU L’Aquila, UDU Teramo e 360 Gradi Chieti-Pescara ci ritroviamo, nuovamente, a denunciare i ritardi e il disinteresse con cui la Regione Abruzzo gestisce il sistema del diritto allo studio universitario e degli istituti ad alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM).  Anche quest’anno, come i precedenti, quasi 2000 studentesse e studenti (oltre 1300 a Chieti e Pescara, 274 all’Aquila e 240 a Teramo) risultano idonei non beneficiari, ovvero hanno diritto per reddito (ISEE inferiore a 23.250 euro) e per merito (aver superato gli esami universitari richiesti dal bando di concorso) ad una borsa di studio che, tuttavia, per mancanza di fondi regionali non arriva.” Continua L’UDU, “E’ frustrante constatare che ancora una volta noi studenti siamo dimenticati. Quest’anno come coordinamento regionale non abbiamo neanche potuto stabilire quale cifra la Regione Abruzzo abbia effettivamente stanziato, visto che del bilancio approvato dalla Regione non sono disponibili i capitoli di spesa con il dettaglio delle varie voci, in particolare quella che a noi interessa in questo caso e cioè il Fondo Regionale per le borse di studio. Quello che sappiamo è che ci sono quasi 2000 studenti che stanno pagando affitti, libri e spese di sostentamento e di viaggio che dovrebbero essere coperte dalla borsa di studio, e che la Regione Abruzzo dovrebbe stanziare una cifra attorno ai 5 milioni di euro per finanziare tutte le borse – incalza l’UDU. Alla nostra denuncia, se non ci sarà l’immediato stanziamento delle somme necessarie, seguiranno azioni di mobilitazione a tutela del diritto allo studio, costituzionalmente garantito dall’articolo 34 della Costituzione Italiana, in quanto per ogni studente che smette di studiare per ragioni economiche, è la società intera che perde. Ci auguriamo che la Regione Abruzzo voglia investire su chi sceglie di studiare qui e che al più presto stanzi i fondi necessari per coprire tutte le borse” conclude l’UDU. 


Print Friendly and PDF

TAGS