L’Aquila, l’opposizione chiede una pianificazione degli interventi e soluzioni per i territori

di Redazione | 24 Ottobre 2022 @ 16:59 | POLITICA
caro bollette
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Così tutti i consiglieri dell’opposizione Paolo Romano, Stefano Palumbo, Lorenzo Rotellini, Stefania Pezzopane, Elia Serpetti, Alessandro Tomassoni, Simona Giannangeli, Eva Fascetti, Massimo Scimia, Emanuela Iorio, Stefano Albano e Enrico Verini sul caro bollette. “Ammontano a circa 2 milioni e 600mila euro le economie derivanti dalla rinegoziazione dei mutui di Cassa Depositi e Prestiti che il Comune dell’Aquila ha approvato nell’ultima seduta di Consiglio comunale.  Si tratta di 629mila euro disponibili per il 2022, 1 milione e 261mila per il 2023 e 632mila euro per il 2024. Un vero e proprio tesoretto di cui dispone l’amministrazione che può e deve essere impiegato per contrastare gli effetti del caro bollette. C’è la possibilità di creare un fondo in grado di coprire i costi straordinari dell’energia ed evitare la contrazione dei servizi ai cittadini e quindi di emanare sostegni a difesa di famiglie, attività produttive e associazionismo cittadino. A queste poi possono essere aggiunte le risorse a disposizione residue dell’ultimo piano Sociale d’Ambito e quelle del prossimo 2023/2025 per le famiglie più in difficoltà, le risorse a disposizione della L.R. 41/2011 per lo sport, in particolare per chi gestisce impianti sportivi e le risorse culturali a disposizione del bilancio comunale che possono diventare ristori per appianare la grave difficoltà del momento. 
Giusto aspettarsi misure importanti dal governo centrale ma è altrettanto giusto mettersi in gioco come amministrazione comunale a tutela dei cittadini attraverso gli strumenti e le risorse a disposizione. 
Per questo con forza e responsabilità continuiamo a chiedere che venga affrontata una vera e propria pianificazione degli interventi dettati dall’emergenza e che vengano destinate tutte le risorse a disposizione per fornire soluzioni al territorio, a partire da quelle della rinegoziazione mutui, disponibili sin da ora ad aiutare la velocizzazione delle procedure consequenziali. Lo si faccia in consiglio comunale o in III Commissione purché si intraprenda questo percorso. Ogni giorno in più è un rischio in più che lasciamo sulle spalle dei cittadini aquilani.” Concludono i consiglieri di minoranza.

Print Friendly and PDF

TAGS