L’Aquila, la Asl replica al Pd: ecco le cose fatte

La direzione sanitaria snocciola i risultati: assunzoni, stabilizzazioni, investimenti, attivazione di posti letto ed ediliza sanitaria

di Redazione | 12 Maggio 2022 @ 18:41 | ATTUALITA'
liste d'attesa
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La direzione aziendale della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila replica alle accuse del centrosinistra e snocciola i risultati: assunzoni, stabilizzazioni, investimenti, attivazione di posti letto ed ediliza sanitaria, e, “per correttezza d’informazione”, fornisce “alcuni chiarimenti che dimostrano ancora una volta l’infondatezza delle critiche rivolte alla Asl”.

In riferimento al personale, l’azienda fa sapere di aver avviato “un numero considerevole di procedure concorsuali, fatto mai verificatosi prima, per specialisti in Malattie infettive, Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza, Neonatologia, Radiodiagnostica, Anestesia e Rianimazione, Neuropsichiatria infantile, Psichiatria, Ortopedia e traumatologia, Medicina penitenziaria, Malattie dell’Apparato respiratorio, Medicina interna e Cardiologia, biologi e psicologi”.

Con gli avvisi, le mobilità e i concorsi, precisa la nota della direzione Asl, “da luglio 2021 sono state assunte oltre 250 unità di personale tra medici, infermieri e altro personale del comparto, necessari ad affrontare le emergenze che, purtroppo, sono state ereditate. La Asl ha bandito, inoltre, 14 concorsi primariali recuperando le inefficienze e le inerzie del passato, e si appresta a bandire ulteriori concorsi non appena perverranno le autorizzazioni regionali. Sono state avviate – si sottolinea ancora – anche le stabilizzazioni che consentiranno a 64 sanitari, che lavorano con contratto a tempo determinato, di entrare definitivamente a far parte dell’azienda”.

La Asl replica anche alla mancanza di farmaci e dispositivi: “Spiace dover tornare su polemiche del tutto strumentali alle quali è stata fornita ampia e adeguata risposta sulla stampa locale già nei mesi scorsi. Non è stato operato nessun taglio a farmaci e dispositivi e si stanno garantendo tutte le forniture nel rispetto, questo sì, di quanto prevedono le leggi dello Stato”.

Quanto all’edilizia sanitaria, dall’insediamento del nuovo direttore generale Ferdinando Romano, sono stati conclusi i seguenti interventi:
– Apertura, dopo molti anni di attesa, del padiglione Delta 7 dell’Ospedale San Salvatore dell’Aquila: 180 nuovi posti letto che sono stati provvidenziali nell’ultima emergenza Covid;
– Progetto esecutivo della Centrale Operativa del Servizio 118 a L’Aquila, fermo dal 2016 e che finalmente potrà essere messo in gara;
– Ripresa dei lavori per il completamento della RSA di Montereale;
– Avvio delle procedure per la realizzazione della RPA di Pratola Peligna;
– Realizzazione di 7 posti letto di terapia intensiva Covid dell’Ospedale di Avezzano;
– Finalmente l’Azienda ha un progetto certificato per l’Ospedale di Avezzano, che verrà presto messo a gara e che la popolazione chiedeva da decenni senza mai avere risposte concrete;
– Nuovo ospedale di Avezzano non significa, però, dimenticare i diritti dei pazienti, che dovranno ancora ricoverarsi nella attuale struttura. Per questo sono già stati avviati i lavori per mettere i servizi igienici nelle stanze di degenza, restituendo ai pazienti quel confort alberghiero e quella dignità da sempre negati;
– E ancora, si ricorda l’avvio delle procedure per la realizzazione, senza oneri per l’Azienda, di ulteriori 600 posti auto per l’Ospedale dell’Aquila, al servizio di dipendenti e utenti;

Infine, la Asl spiega che “non vanno dimenticate le importanti risorse che sono state assegnate alla Asl dell’Aquila per il Pnrr, un investimento complessivo di oltre 64 milioni di euro ripartito come segue:
– € 16.302.289 per le case della comunità;
– € 7.245.642 per gli ospedali di comunità;
– € 603.706 per le centrali operative territoriali;
– € 27.060.428 per gli adeguamenti sismici degli ospedali;
– € 6.836.800 per l’acquisto di 14 grandi apparecchiature;
– € € 6.176.450 per sanità digitale- ammodernamento parco sanitario ospedaliero.


Print Friendly and PDF

TAGS