L’Aquila, in V commissione Verdeaqua e rifacimento strade comunali

di Alessio Ludovici | 16 Febbraio 2021 @ 06:00 | ATTUALITA'
Complesso Verdeacqua,
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si è riunita ieri mattina la quinta Commissione consiliare “Garanzia e Controllo”, convocata dal presidente Giustino Masciocco, in videoconferenza. All’ordine del giorno la vicenda della sede distacca della scuola media nella frazione di Pianola, il complesso sportivo di Santa Barbara, la ricostruzione privata e la programmazione delle opere pubbliche.

Primo punto all’odg il nulla osta rilasciato dal Comune per l’apertura di una sede distaccata di scuola media in un Musp della frazione di Pianola. La richiesta, del dirigente scolastico della Rodari, fa discutere; secondo il consigliere Mancini potrebbe rimettere in discussione il piano di dimensionamento recentemente approvato. Una mozione per un atto di indirizzo che chiarisca la situazione verrà presentata in consiglio comunale dal presidente della V commissione Masciocco.

Il complesso sportivo Verdeaqua di Santa Barbara

Il complesso sportivo di Santa Barbara è chiuso ormai da un paio d’anni e l’avviso per gestirlo è andato deserto nel 2020. Troppi i costi per l’eventuale gestore. Ora, informano l’assessore Fabrizi ed il dirigente Bellucci, si prepara un nuovo bando in cui gli oneri e i costi dovrebbero essere espunti. “Gli atti sono pronti” ha ribadito Fabrizi, “abbiamo cambiato il piano finanziario, rimodulato in base alle criticità che erano emerse. Per quanto riguarda le tariffe non c’è un pericolo di aumento perché sono stabilite dal comune.” Non è chiaro quando uscirà il bando. A pesare sulla tempistica potrebbe essere anche la pandemia. Giorgio De Matteis, vista la situazione delle restrizione, chiede che venga valutato bene quando fare uscire il bando che altrimenti rischierebbe di andare nuovamente deserto. 

Ricostruzione privata ed opere pubbliche: obiettivo strade comunali

Sempre con Fabrizi si è fatto quindi il punto sulla ricostruzione privata e le opere pubbliche. “Il nuovo finanziamento di 2,75 miliardi – spiega l’assessore alla Ricostruzione privata – garantisce sicuramente di portare a termine la ricostruzione privata”. Il vero nodo è emerso in commissione ed è rappresentato dai colli di bottiglia che riguardano tanti, troppi aggregati, tra contenziosi e commissariamenti. Proprio per questo Fabrizi ha chiesto un rafforzamento dell’Ufficio preposto, oggi con sole due unità, per far fronte alle centinaia di aggregati a rischio commissariamento da parte del Tar con “un iter molto complesso”, ha spiegato Fabrizi. Anche il consigliere comunale De Matteis ha chiesto il potenziamento dell’ufficio, magari con il coinvolgimento di Abruzzo Engineering o, comunque, con lo spostamento di unità da altri settori.

Sulle opere pubbliche Fabrizi ha precisato di non avere quelle in materia di ricostruzione o di grandi interventi, che rientrano nella delega del vicesindaco Daniele. Fabrizi, infatti, gestisce solo le opere non coperte dal Cipe e dalla ricostruzione in pratica. “Noi operiamo con i fondi di bilancio e la coperta è corta e tirata da tutte le parti”, ha precisato. “Per il nuovo piano, 2021-2023 le risorse, oltre che dai fondi di bilancio, arriveranno da nuovi oneri di urbanizzazione e da alcune importanti rinegoziazioni di vecchi mutui. Il cuore del piano – ha annunciato -l’assessore, sarà rappresentato dai 1200 km di strade comunali”. Strade che per anni sono state trascurate, perché si pensava non avesse senso rifarle per poi essere ricomprese nei cantieri della ricostruzione, dei sottoservizi ecc. “Oggi – ha riconosciuto lo stesso assessore – sono in una stato di degrado sotto gli occhi di tutti”.


Print Friendly and PDF

TAGS