L’Aquila, il 30 ottobre apre il MAXXI a Palazzo Ardinghelli

di Redazione | 22 Luglio 2020 @ 10:53 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sarà inaugurato venerdì 30 ottobre, alla presenza del Ministro dei beni culturali Dario Franceschini e dell’ Ambasciatore della Federazione Russa in Italia Sergey Razov, con la partecipazione di Cassa Depositi e Prestiti, che ha contribuito alla realizzazione degli apparti tecnologici il MAXXI L’AQUILA progetto che ha visto MiBACT e Fondazione MAXXI – di concerto con il Comune di L’Aquila, le amministrazioni e le  istituzioni del territorio – impegnati insieme per un grande obiettivo: contribuire al rilancio del territorio ferito dal sisma attraverso la cultura, recuperando con un attento e meticoloso restauro il pregevole palazzo settecentesco devastato dal terremoto, restituendolo alla suggestiva bellezza barocca dei suoi spazi luminosi e avvolgenti, e offrendolo alla comunità come nuovo luogo collettivo, una piattaforma di creatività culturale, aperta, condivisa, al servizio della rinascita della città.

L’inaugurazione si svolgerà  alla presenza del Ministro dei beni culturali Dario Franceschini e dell’ Ambasciatore della Federazione Russa in Italia Sergey Razov, con la partecipazione di Cassa Depositi e Prestiti, che ha contribuito alla realizzazione degli apparti tecnologici per la nuova funzione museale del Palazzo.
MAXXI L’Aquila sarà inaugurato con le mostre allestite, le opere pensate e realizzate per Palazzo Ardinghelli da Elisabetta Benassi, Daniela De Lorenzo,  Alberto Garutti, Nunzio, il maestro Ettore Spalletti e  Anastasia Potemkina, giovane artista russa, le fotografie di Paolo Pellegrin e Stefano Cerio e una selezione di opere della Collezione MAXXI
 
Ieri a Roma la firma del verbale di consegna con il passaggio di testimone dal MiBACT al MAXXI con l’ultimazione dei restauri curati dai tecnici del MiBACT attraverso il Segretariato regionale del MiBACT per l’Abruzzo guidato da  Stefano D’Amico e la Sovrintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio per la città dell’Aquila e i Comuni del Cratere guidata da Alessandra Vittorini e realizzato grazie a una generosa donazione della Federazione del Governo Russo, Palazzo Ardinghelli sarà affidato alla Fondazione MAXXI guidata da Giovanna Melandri.
 
Soddisfatta proprio la  Melandri, “In questo 2020, in cui la pandemia ci ha costretto a rivedere i nostri programmi e a mettere in discussione le nostre certezze, siamo orgogliosi di poter onorare l’impegno preso per il MAXXI L’Aquila, un appuntamento, in primis con la città e con gli aquilani, a cui teniamo particolarmente e che non volevamo disattendere. La riapertura di Palazzo Ardinghelli è il simbolo di una doppia rinascita, dalle ferite del terremoto e dal tempo sospeso dell’emergenza coronavirus”.
 
Sulla stessa lunghezza d’onda anche Stefano D’Amico, Segretario regionale del MiBACT per l’Abruzzo: “È un grande giorno per L’Aquila, oggi. E lo è per i beni culturali del territorio, che con questo passaggio di consegne completano un percorso molto importante. Di cooperazione internazionale, con il Governo russo, che ha sostenuto il recupero di Palazzo Ardinghelli. Di tutela, attraverso il restauro di uno degli edifici più preziosi della città. E di valorizzazione, per far diventare questo luogo uno spazio vivo e centrale di cultura”.
 
 
 

Print Friendly and PDF

TAGS