L’Aquila, gli studenti del progetto RIPARTIRE si raccontano 

L'evento avrà luogo presso il Ridotto del Teatro Comunale a L’Aquila 

di Redazione | 27 Aprile 2022 @ 11:38 | EVENTI
Ripartire
Print Friendly and PDF

 

L’AQUILA  –  Le studentesse e gli studenti del progetto RIPARTIRE si raccontano: questo il titolo dell’evento che si svolgerà venerdì 29 aprile dalle 15.00 alle 17.00 presso il Ridotto del Teatro Comunale a L’AquilaProtagonisti le studentesse e gli studenti del Convitto D. Cotugno che hanno preso parte alle azioni del progetto RIPARTIRE.

Nel corso dell’evento verranno presentati i risultati della ricerca sulle forme, i modi e i luoghi della partecipazione civica tra adolescenti del territorio aquilano condotta dall’Università della Calabria e gli esiti dei percorsi svolti dal 2020 ad oggi: il whole approach per ripensare gli spazi di partecipazione democratica nella scuola; il bilancio partecipativo per una gestione efficiente e democratica delle risorse economiche a disposizione della scuola; il monitoraggio civico e data journalism per il reperimento, l’analisi e la narrazione dei dati sui servizi territoriali locali.  L’evento si chiuderà con una tavola rotonda sul protagonismo giovanile a cui prenderanno parte Claudia Cicciotti, project manager del progetto RIPARTIRE per ActionAid Italia; Serenella Ottaviano, dirigente scolastica del Convitto D. Cotugno; Francesco Cristiano Bignotti, assessore alle politiche educative e scolastiche del Comune de L’Aquila e Vincenzo Smaldore, Fondazione Openpolis. 

Il progetto RIPARTIRE (Rigenerare la partecipazione per innovare la rete educante), selezionato da Con I Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, si propone come percorso di costruzione di una leadership civica giovanile capace di generare nuove opportunità educative e sociali attraverso la co-progettazione, la mobilitazione risorse comunitarie e azioni di advocacy nei territori di Ancona, Pordenone, Roma, Trebisacce e L’Aquila. 

RIPARTIRE è realizzato da ActionAid insieme a Fondazione Openpolis, BiPart Impresa sociale, Fondazione Human Foundation, La Fabbrica Spa, Transparency International Italia e Università della Calabria; i comuni di Ancona, Pordenone, Trebisacce (CS) e Roma (Municipio VI); Dipartimento per le Politiche di Coesione – Presidenza del Consiglio dei Ministri; COOSS Marche, Fondazione RagazzinGioco, Mètis Community Solutions, Associazione Passaggi ed éCO; cinque scuole secondarie di secondo grado (a Ancona, Pordenone, Roma, Trebisacce e L’Aquila).  


Print Friendly and PDF

TAGS