L’Aquila, funivia di Fonte Cerreto: assessore Lancia annuncia la riapertura

di Redazione | 12 Gennaio 2024 @ 18:38 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “La nostra montagna merita di essere vissuta anche in questo 2024 e la ripresa del servizio di funivia di Fonte Cerreto va salutata con favore adesso che le previsioni meteo ci regalano finalmente neve e dopo il breve stop che ha generato dubbi nel comparto turistico e negli utenti. Sorprende quindi l’atteggiamento di chi, in queste ore, sta creando artatamente e strumentalmente incertezze rispetto al parere di Ansfisa, atto di natura squisitamente e chiaramente tecnica”, si esprime così Ersilia Lancia, Assessore al Turismo del Comune dell’Aquila, sulla riapertura della funivia di Fonte Cerreto.

E continua: “Forse qualcuno avrebbe preferito la chiusura della cabinovia, facendo sfumare l’intera stagione invernale e mettendo in ulteriore difficoltà gli operatori della montagna. Gli amanti del Gran Sasso invece potranno anche in questa stagione continuare a praticare gli sport invernali e a godere di neve vera sulla vetta più alta e più suggestiva degli Appennini. Il Comune, dal suo canto, continuerà a lavorare sui progetti di rilancio e ammodernamento che, anche grazie alla capacità di attrattiva di risorse esercitata nell’ambito del Fondo complementare al Pnrr, consentiranno una maggiore e migliore fruibilità di questo bene prezioso”, conclude l’assessore.

IN AGGIORNAMENTO – Il comunicato stampa di Lorenzo Rotellini, Consigliere Comunale L’Aquila, sulla questione funivia in risposta alle dichiarazioni dell’Assessore Lancia:

“Assurde le dichiarazioni dell’Assessore Lancia e di Fratelli d’Italia, nessuno tifa contro L’Aquila e nessuno ‘avrebbe preferito la chiusura della cabinovia, facendo sfumare l’intera stagione invernale e mettendo in ulteriore difficoltà gli operatori della montagna’.

Dopo sette anni di amministrazione Biondi iniziate ad assumervi le vostre responsabilità e a dare risposte alla città. Basta con la propaganda e con le accuse a chi non ha responsabilità, le chiacchiere le porta via il vento.

L’amministratore del Centro Turistico Pignatelli continua a sostenere che hanno dimostrato la sicurezza dell’impianto; Il sindaco ed altri hanno rassicurato a più riprese, prendendosela con chi ha denunciato. In queste situazioni si dovrebbe ringraziare chi ha il coraggio di denunciare e di non rimanere in silenzio.

Dove troveremo i 3 milioni di euro per la sostituzione delle funi? La stagione estiva quali problematiche avrà? Quali aiuti prevederemo per i lavoratori del CTGS e per l’indotto? 

Il Sindaco Biodi e l’amministratore Pignatelli vengano a riferire in Consiglio Comunale, ci dicano come hanno speso le risorse per il Gran Sasso in questi anni e come intenderanno procedere. Vengano a riferire se erano a conoscenza della situazione delle funi prima dell’esposto e si assumano le loro responsabilità, qualcuno dovrà rassegnare le proprie dimissioni. A 15 anni dal terremoto dovremmo aver imparato qualcosa sulla prevenzione e sulla sicurezza”.


Print Friendly and PDF

TAGS