L’Aquila, Flc-Cgil: “Le nuove graduatorie Ata hanno validità per il triennio scolastico 2021-2024”

Lavoro in più per le Segreterie Scolastiche, ma non un’unità di personale in più

di Redazione | 03 Maggio 2021, @09:05 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si è conclusa da pochi giorni la possibilità per molti lavoratori e lavoratrici precari della scuola, la procedura on line per l’inserimento in III fascia Ata. La III fascia Ata riguarda le graduatorie di Istituto, quelle cioè, utilizzate direttamente dalle scuole per l’assunzione di supplenti in sostituzione del personale Ata assente, declinato nei suoi diversi profili (collaboratore scolastico, assistente amministrativo, assistente tecnico, addetto all’azienda agraria, guardarobiere, infermiere, cuoco).

Le nuove graduatorie, che le scuole dovranno compilare nelle prossime settimane, avranno validità per il triennio scolastico 2021/2024.

Nell’aggiornamento del 2017, a livello nazionale, sono state presentate 2 milioni di domande per l’inserimento nelle graduatorie. Le richieste di inserimento, di aggiornamento o di semplice conferma, che le oltre 8.000 scuole hanno ricevuto dal 22 marzo al 26 aprile 2021, probabilmente supereranno tale numero. Le 193 istituzioni scolastiche abruzzesi hanno 83203 domande da valutare, il 10% in più rispetto al 2017.

“L’aumento dei numeri dell’inserimento è un fattore politico da non sottovalutare poiché è proporzionale all’aumento della disoccupazione, soprattutto tra giovani; così come diventa preoccupante che risulta aumentato, quasi esponenzialmente, il livello di istruzione da parte degli e delle aspiranti – afferma la segretaria provinciale Flc-Cgil dell’Aquila Miriam Anna Del Biondo -. Nelle sedi Flc-Cgil della provincia dell’Aquila, l’87,3% di persone che hanno richiesto la nostra consulenza possiede un titolo di studi superiore, come titolo d’accesso, a cui molto spesso si accompagna uno o più diplomi di laurea. In provincia dell’Aquila le scuole hanno ricevuto complessivamente 18131 domande. I profili di addetto all’azienda agraria (presenti negli Istituti professionali per l’agricoltura) di guardarobiere, infermiere e cuoco (presenti solo nei Convitti) hanno visto 1354 richieste di inserimento nelle graduatorie. Il grosso, com’era prevedibile, ha riguardato i profili di assistente amministrativo, di collaboratore scolastico e di assistente tecnico”.

La Del Biondo aggiunge: “Nelle prossime settimane le segreterie scolastiche si troveranno a gestire questa mole di lavoro aggiuntivo che riguarda la formulazione delle graduatorie d’istituto per ogni profilo professionale. A tale formulazione si potrà giungere soltanto dopo diversi passaggi ed impegnativi passaggi dalla valutazione delle dichiarazioni prodotte dai singoli candidati, alla validazione del punteggio spettante a ciascuno per i titoli culturali posseduti, alla verifica della congruità delle dichiarazioni fatte e dei servizi attestati. Un lavoro delicato e di grande responsabilità, in un periodo reso ancor più impegnativo dalla pandemia. Sarà un lavoro che andrà ad aggiungersi alla normale, che più normale non è, poiché appesantita dalle procedure per la gestione del covid, amministrazione quotidiana delle segreterie scolastiche già, da anni, sono in grave difficoltà a causa di novità procedurali e di forme di digitalizzazione che hanno di fatto modificato il profilo degli assistenti amministrativi e tecnici, senza, però, trovare riscontro in una formazione adeguata, in un adeguamento retributivo, né, tantomeno, in un più generico aumento degli organici. Gli organici del personale di segreteria, infatti, non sono stati adeguati al notevole impegno a cui esse sono sottoposte. Le scuole sono in grande sofferenza ma l’Amministrazione continua a applicare parametri di composizione delle classi, di determinazione degli organici dei collaboratori scolastici e del personale amministrativo e tecnico esistenti prima della pandemia e, già da tempo, non più adeguati alle novità di cui sopra. Niente posti in più per le segreterie, niente posti in più per i laboratori”.

La Flc-Cgil conclude: “Aumenta costantemente il lavoro delle Segreterie Scolastiche, ma nessuna risposta viene fornita alle scuole quando chiedono organici adeguati e quando manifestano difficoltà che ormai sono quotidiana emergenza. La Flc-Cgil dell’Aquila è vicina al personale di segreteria delle scuole della provincia, di cui conosce la grande professionalità spesso mortificata dalla perseverante politica del non aumento delle risorse. Quando non del taglio”.


Print Friendly and PDF

TAGS