L’Aquila, Fipe-Confcommercio: “Si al decoro ma con soluzioni condivise”

di Redazione | 12 Luglio 2022 @ 10:02 | ATTUALITA'
Fipe
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Il Presidente Provinciale Fipe-Confcommercio di L’Aquila, Daniele Stratta risponde alle dichiarazioni rese di recente dal Vice Sindaco ed Assessore alle Attività Produttive di L’Aquila Raffaele Daniele: “Si al decoro ed alla sicurezza, ma con soluzioni condivise”. 

“Apprendiamo dagli organi di stampa la volontà, da parte del Comune di L’Aquila, di fissare nuove regole volte a contenere e disciplinare la “movida” nel centro storico cittadino e, come è sempre stato, confermiamo la nostra piena disponibilità a collaborare con l’Amministrazione Comunale al fine di reperire soluzioni “condivise”, che, nel tutelare le esigenze di decoro e di quiete dei residenti, non giungano a penalizzare lo svolgimento dell’attività lavorativa da parte di un settore, quello dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, ecc..), finora drammaticamente colpito dalla emergenza sanitaria e in fase di iniziale, graduale ripresa.” Continua Daniele Stratta “anche noi riteniamo che sia di fondamentale importanza implementare la sicurezza nel centro storico tramite il sistema della videosorveglianza poiché la nostra Associazione lo invoca da anni – ha continuato il Presidente Stratta – e anche noi riteniamo indispensabile assicurare il decoro urbano ed il rispetto della quiete dei residenti, ma è altrettanto essenziale consentire alle aziende di somministrazione e di intrattenimento di riprendere a respirare, nell’interesse stesso della Città e della sua economia e che qualsiasi tipo di nuova regolamentazione nel merito tenga conto della proroga fino al 30 settembre e, con molta probabilità fino al 31 dicembre, delle agevolazioni burocratiche su dehors e tavolini di bar e ristoranti, oltre  alle procedure semplificate per le richieste di  occupazione/ampliamento di suolo pubblico. La elaborazione da parte del Comune di qualsiasi tipo di pianificazione sull’argomento, come il “piano rumore” – ha proseguito Stratta – non può in alcun modo prescindere dalla concertazione con le Associazioni di Categoria, al fine di adottare una normazione realmente efficace, atta ad evitare, tra l’altro, dannose disparità di trattamento tra le varie zone del centro storico del Capoluogo”.


Print Friendly and PDF

TAGS