L’Aquila, è morto Federico Fiorenza. Decano del teatro aquilano e abruzzese

di Redazione | 04 Settembre 2021 @ 20:17 | CRONACA
Federico Fiorenza
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – E’ deceduto Federico Fiorenza, notissimo in città per la sua lunga trafila nel mondo del teatro, nel nostro Tsa ma non solo. Era ricoverato per Covid al San Salvatore. 

Fiorenza è stato dirigente del TSA dal 1969 al 1989, poi direttore dello stesso dal 1989 al 2002 quindi direttore del TRA Teatro Regionale Abruzzese dal 2003 al 2005 e di nuovo al TSA dal 2006 al 2009.

E’ stato inoltre fondatore e presidente del TADUA Teatro Accademico dell’Università dell’Aquila, produttore per RAI Uno e RAI Due del programma “Storia del Teatro in Italia” con Giorgio Albertazzi e Dario Fo. E’ stato quindi direttore esecutivo esterni della Signora Ava regia A.Calenda per Raiuno, ideatore e produttore per RAI Tre di un programma con Giorgio Albertazzi su Dante. Ancora Soprintendente e Direttore artistico della Perdonanza Celestiniana (qui l’intervista con Matilde Albani) e Festival annessi dal 1993 al 1998 ma si è dilettato anche nei festival Estate Mediterranea e nel Festival Mezza Estate di Tagliacozzo. Attivo anche in varie associazioni culturali e sportive. L’ultima avventura nel Tra, Teatri riuniti Abruzzo.

“Ho appreso con dolore della scomparsa di Federico Fiorenza, personalità eccentrica e dalla grande passione per il teatro. Fiorenza  ha segnato un periodo vivace e intenso della cultura dell’Aquila. Ai familiari, agli amici e a quanti lo conoscevano, il cordoglio della municipalità e mio personale”. Queste le dichiarazioni del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

L’Accademia di Belle Arti dell’Aquila esprime cordoglio per la scomparsa di Federico Fiorenza instancabile protagonista della vita culturale della nostra città e del nostro territorio. “La morte di Federico Fiorenza -dichiara il Presidente ABAQ Rinaldo Tordera – lascerà un grande vuoto nel panorama culturale della nostra città. Mancherà il suo estro è il suo intuito di anticipatore. L’Accademia di Belle Arti si unisce al dolore dell’intera comunità ed esprime  vicinanza famiglia”.

Print Friendly and PDF

TAGS