L’Aquila, D’Eramo: “Sabrina di Cosimo responsabile dipartimento cultura”

di Redazione | 07 Giugno 2022 @ 12:27 | ATTUALITA'
cultura
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  –  Luigi D’Eramo afferma che: “Uno dei temi principali che contraddistinguono l’agenda politica della Lega è la cultura. Infatti dopo aver sentito Luca De Renzis, responsabile regionale dei dipartimenti abruzzesi nonché consigliere regionale, abbiamo affidato il delicato incarico di responsabile regionale del dipartimento cultura a Sabrina Di Cosimo” così prosegue il segretario regionale del Carroccio. “Sabrina, durante il suo incarico come assessore alla cultura e al turismo del Comune dell’Aquila, ha cambiato il volto del capoluogo di regione dando il via ad una serie di iniziative e progetti culturali ambiziosi, quali il dossier di candidatura per il Riconoscimento a Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco della “Perdonanza Celestiniana” e la scelta, per un triennio, del Maestro Leonardo De Amicis come direttore artistico, dando così slancio alla Perdonanza una promozione culturale che ha portato L’Aquila alla ribalta del panorama nazionale ed internazionale. Nel 2017, quindi, ha sostenuto convintamente l’apertura di un Info Point per dare assistenza a turisti e cittadini” è prosegue: “L’impronta della sua opera di rinnovamento messa in atto per presentare all’Italia e al mondo l’immagine di una città che rinasce dopo l’immane tragedia del sisma del 2009 e che riscopre finalmente la gioia di mostrarsi in tutta la sua scintillante bellezza grazie anche alle installazioni delle Luci d’Artista e del Villaggio di Natale nel centro storico, rendendolo così attrattore, con tutto il suo territorio integrato dei borghi, di migliaia di turisti e permettendo ai cittadini aquilani di riappropriarsi dei propri luoghi identitari” e conclude: “Sabrina è una persona capace, dimostrando di saper concretizzare ambiziosi obiettivi. Sono certo che sarà in grado di costruire attorno a sé una squadra di professionisti, strutturata su tutta la Regione. Le auguro un sincero buon lavoro”

Print Friendly and PDF

TAGS