L’Aquila: depositato il ricorso di Petrilli, aumentano le adesioni all’appello

di admin | 25 Novembre 2015 @ 16:28 | ATTUALITA'
Petrilli referendum petroli
Print Friendly and PDF

A metà novembre 2015 il legale di Giulio Petrilli, avv. Francesco Camerini, ha depositato presso il Tribunale di Cassazione dell’Aquila il ricorso in difesa del suo assistito, condannato nel mese di Ottobre
a otto mesi senza condizionale per abuso di ufficio per avere regolarizzato 5 dipendenti part time quand’era presidente dell’ARET (azienda regionale economia e territorio) dal 2006 al 2008, e siglato un nuovo contratto con il direttore, riducendone il compenso da 110.000 euro annui a 39.000.

Le tesi dell’avvocato non sono mirate a discolpare semplicemente il suo assistito, quanto a ridare dignità a chi, dal posto di pubblico amministratore, si occupa del lavoro, della sua qualità, e dell’investimento nella stabilizzazione dei precari.

Giulio Petrilli fu già condannato a 5 anni e 8 mesi per “Banda armata”, poi assolto definitivamente nel 1989 ma non può usufruire dei giovamenti della legge sull’ingiusta detenzione perché la stessa non è retroattiva.

“Noi sottoscrittori – si legge in una nota inviata alla nostra redazione – ci battiamo anche per sconfiggere i teoremi per cui chi ha avuto frequentazioni considerate non ammissibili col suo pentimento, debba essere sempre criminalizzato e condannato per un non reato, senza concessione delle attenuanti generiche e della condizionale.

La mobilitazione prosegue. Noi cittadini, impegnati nella costruzione della reciproca convivenza basata sulla giustizia amministrativa e sociale, chiediamo alla Giustizia Italiana ma anche alla Politica di prendere la vicenda di Giulio Petrilli come tante altre, purtroppo nascoste nel clamore della politica urlata e nel disarmo dell’aggregazione, come momento per rifiutare la colpevolizzazione dell’impegno politico e sociale nel paese.

I beni comuni e la sicurezza dei cittadini, lo ripetiamo in questi tristi giorni dopo gli attentati di Parigi, si fondano e rifondano su un terreno di lavoro, di fiducia e di ascolto reciproco. Revisione del processo e riconsiderazione politica dell’azione dell’imputato”.

In calce le firme dei sottoscrittori della nota inoltrata agli organi di stampa:

 Giovanni Russo Spena, giurista, ex parlamentare

Italo Di Sabato, Osservatorio sulla repressione

Marcello Pesarini, Osservatorio permanente sulle carceri, Antigone

Antonio Di Stasi, Professore di Diritto del lavoro nell’Università Politecnica delle Marche, Avvocato

Stefano Trovato, CNCA

Roberta Palmieri

Francesco Orazi Professore di Sociologia nell’Università Politecnica delle Marche, Avvocato

Fabio Sebastiani direttore Controlacrisi

Paola Ferroni

Scaini Gianmarco

M.Rosaria Russo dott.ssa in Scienze dell’Educazione Direttivo CGIL Lombardia 

Adriana Spera

Antonio Nardantonio consigliere comunale L’Aquila

Claudio Grassi, ex senatore, Sinistra e Lavoro

Sergio Sinigaglia

Massimo Rossi, ex sindaco di Grottammare (AP) ex presidente Provincia AP, Forum Beni Comuni

Linda Santilli, Sinistra e Lavoro

Nicola Iannarelli, Sinistra e Lavoro


Print Friendly and PDF

TAGS