L’Aquila, De Santis: “Presentata mozione per tutela acqua pubblica con fondi Revovery Plan”

di Redazione | 24 Marzo 2021 @ 11:26 | POLITICA
De Santis su mozione per tutela acqua pubblica
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il problema della tutela dell’acqua pubblica è spesso dimenticato dall’agenda delle Istituzioni, a cominciare da quella del Comune capoluogo di Regione, che al riguardo non spende una parola né prevede un euro nel Bilancio comunale. Eppure le criticità delle infrastrutture idriche gestite dalla Società GSA sono note a tutti ed oggi sono aumentate per i lavori di bonifica nella galleria del Gran Sasso.

Così Lelio De Santis, Capogruppo Cambiare insieme al Consiglio comunale dell’Aquila, che aggiunge: “Il valore dell’acqua è il valore della nostra salute e, quindi, dovrebbe essere una priorità della programmazione di ogni Ente. La dispersione dell’acqua nelle reti idriche obsolete raggiunge anche il 40% e si impone pertanto la modernizzazione delle infrastrutture idriche e dei depuratori spesso non funzionanti.

La Mozione che ho presentato al Presidente del Consiglio comunale ha l’obiettivo di risvegliare l’attenzione dell’amministrazione attiva e della città su un tema centrale  per lo sviluppo ecosostenibile, che deve sempre più far leva sul patrimonio ambientale e sulla risorsa acqua, come uno dei diritti umani fondamentali. La mozione – conclude – suggerisce, altresì, un’azione politica incisiva di Regione e di Comune sul Governo per prevedere adeguati fondi nel Revovery Plan al fine di modernizzare le reti idriche ed una Campagna pubblicitaria nelle scuole sul valore dell’acqua pubblica, bene inalienabile, da tutelare sempre anche evitando sprechi ed utilizzi impropri”.

MOZIONE

Al Presidente del Consiglio comunale, Roberto Tinari

Oggetto: acqua pubb.ica da tutelare

In concomitanza con la giornata mondiale dell’acqua,  torna d’attualità la necessità di un’iniziativa delle Istituzioni locali e nazionali per riaffermare la centralità della risorsa acqua potabile, fonte di ogni forma di vita, da tutelare con investimenti adeguati per la modernizzazione delle reti idriche e con la promozione della cultura della correttezza del consumo.
Con il Referendum del 201127 milioni di italiani hanno sancito il carattere di acqua pubblica, ritenendola un bene inalienabile ed essenziale, ma ancora oggi nel mondo una persona su tre non ha l’acqua potabile, mentre continuano gli sprechi nel consumo alimentare e la dispersione dell’acqua nelle reti idriche obsolete.
Nel frattempo, nel dicembre del 2020 il bene acqua è stato quotato in borsa, diventando oggetto di investimenti e, quindi, con il rischio di speculazioni.
Anche im Abruzzo ed a L’Aquila è nota la criticità delle reti idriche vecchie e dei depuratori non funzionanti, che determina una dispersione dell’acqua nell’ordine del 40%.
Si rende necessario, pertanto, un incisivo intervento pubblico su due aspetti: la modernizzazione delle reti idriche ed una campagna pubblicitaria per sensibilizzare i ragazzi sul valore dell’acqua.
A tal fine, il Consiglio comunale
           
                                                 Invita il Sindaco
        a mettere in essere tutte le iniziative politiche ed amministrative

1)nei confronti del Governo al fine di inserire il problema acqua nel Recovery Plan per ottenere le risorse finanziarie necessarie alla modernizzazione dele infrastrutture idriche, gestite dalla società G.S.A.;
2) nei confronti  della Regione per finanziare una Campagna pubblicitaria sull’uso corretto dell’acqua potabile e, di concerto con le Autorità scolastiche,  per istituire dei corsi specifici nelle Scuole secondarie sul valore della risorsa acqua, come uno dei diritti umani fondamentali.

L’Aquila, 22 marzo 2021

                                                         Lelio De Santis

 


Print Friendly and PDF

TAGS