L’Aquila, dal ministro Dadone 700mila euro per le politiche giovanili

di Cinzia Scopano | 30 Dicembre 2021 @ 11:46 | ATTUALITA'
Dadone politiche giovanili l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Assegnati dal ministro per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, al Comune dell’Aquila e ai comuni del cratere 700mila euro per la realizzazione del Festival “RISCOPRIRE L’EUROPA. CULTURA, CREATIVITÀ, LABORIOSITÀ”.

A darne notizia sono l’on. Fabiana Dadone e il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, che con il coordinatore della Struttura di missione per gli anniversari nazionali, Paolo Vicchiarello, ed il coordinatore della Struttura di missione per il sisma 2009, Carlo Presenti, ha stipulato la convenzione che stabilisce responsabilità e criteri organizzativi del Festival che si terrà nel corso del 2022.

Le dichiarazioni del ministro Dadone

“La convenzione firmata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e dal Comune dell’Aquila, in rappresentanza anche dei comuni del cratere del sisma 2009 dimostra che, fuori da polemiche e inutili strumentalizzazione, servono i fatti e non le parole. Massima soddisfazione per l’intesa stipulata, ulteriore tassello che si aggiunge all’intervento per la realizzazione della scuola di formazione per il Servizio Civile Universale, sempre nel capoluogo abruzzese. A tredici anni dal terribile sisma che ha lasciato profonde ferite nel territorio aquilano e ancor più profonde ferite nell’anima degli abruzzesi, si dà il via alle iniziative necessarie per mantenere viva la memoria, favorire il dibattito ed il confronto tra giovani e le Istituzioni con uno sguardo all’Europa e al nostro futuro.”

Le dichiarazioni del sindaco Pierluigi Biondi

“A oggi abbiamo conseguito risultati strategici per il territorio che proprio con l’iniziativa si intersecano perfettamente: penso alla SNA e alla scuola di formazione per il Servizio Civile Universale, finanziate dal Fondo complementare al PNRR. – dichiara Biondi – Quale luogo migliore dell’Aquila, allora, per discutere di come ottimizzare i risultati delle opportunità colte, per ripristinare ruoli e relazioni tra enti locali e Unione? L’obiettivo è riscoprire l’anima vera dell’Europa – quella fatta di creatività, cultura, laboriosità. Quell’idea di Europa, insomma, che ha fatto battere i cuori a intere generazioni.”

“Ringrazio il ministro Dadone, il coordinatore della struttura di riferimento, Paolo Vicchiarello, e ovviamente Carlo Presenti, per aver accolto la richiesta che abbiamo avanzato insieme ai coordinatori dei Comuni del Cratere e per confermare l’attenzione sull’Aquila come modello di rinascita dopo un’emergenza”, conclude Biondi che ha tenuto a sottolineare anche l’esito positivo dell’interlocuzione continua avuta, fin dal 2019, prima con i ministeri della Cultura, dello Sport, a seguire con il ministro Dadone delegata in materia di anniversari nazionali e la Struttura di missione dedicata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri dove l’ultima legge di Bilancio ha allocato le risorse.

Il progetto

RISCOPRIRE L’EUROPA. CULTURA, CREATIVITÀ, LABORIOSITÀ  sarà l’occasione per creare un luogo aperto di approfondimento, riflessione e confronto attorno alle tematiche centrali europee, dove i giovani siano protagonisti con nuove proposte e idee innovative, dove lo sport e l’inclusione sociale saranno trasversali, in cui saranno coinvolti gli attori del territorio come generatori di rinascita dopo un’emergenza, e dove avviare un canale di dialogo tra il mondo informale e le istituzioni che, a partire dal festival, diventi modello consolidato a livello locale per azioni comuni. Per ritrovare lo spirito vero dell’Europa, quello fatto, per l’appunto, di cultura, creatività e laboriosità. Ampio spazio all’approfondimento del PNRR come strumento di rilancio dei territori. Una sfida che parte dall’Aquila, che della ricostruzione eccellente e del suo completamento in termini sociali ed economici ha fatto un obiettivo preciso.

La convenzione appena firmata prevede specifici compiti in capo a ciascuna struttura coinvolta. La Struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni finanzierà il progetto occupandosi di darne comunicazione e di verificarne gli aspetti amministrativo-contabili, alla Struttura di missione per il sisma 2009 è affidato il compito di fare da raccordo tra gli enti e monitorerà gli interventi, infine al Comune dell’Aquila è demandata la realizzazione di tutte le attività.

Cronistoria

La storia dei 700mila euro è il risultato di un travagliato iter iniziato con la redazione del progetto che ha avuto come oggetto il “Festival degli incontri”, che si è rivelato da subito inattuabile. In pratica, a fine agosto 2019, non era partita, né si prevedeva potesse mai partire, la comunicazione per un evento che doveva essere di rilievo nazionale e che sarebbe dovuto iniziare il 10 ottobre dello stesso anno.

Per “un’occasione persa e aver investito poco in cultura” – questa l’accusa mossa all’amministrazione Biondi dalle opposizioni – si registrano i successi riportati dalle manifestazioni culturali portate avanti dalla maggioranza: un’immagine nuova e maggiormente accattivante ai Cantieri dell’Immaginario, attraverso scelte artistiche ben mixate tra spettacoli pop e proposte più impegnative; la Perdonanza diventata patrimonio immateriale dell’umanità Unesco con il rafforzamento del valore spirituale e, nel contempo, la realizzazione di eventi di grande levatura artistica e di forte impatto simbolico. Non ultimo la nascita del primo Osservatorio culturale urbano d’Italia grazie alla collaborazione tra Comune e Gssi.

Il sindaco Biondi, in più occasioni ha sottolineato che “la cultura non appartiene alla sinistra o alla destra, la cultura è di tutti ed è per tutti”.

Oggi quei 700mila euro del decennale, serviranno a raccontare L’Aquila, la sua speranza, la sua creatività, i suoi giovani, le sue istituzioni culturali, la sua energia associativa.


Print Friendly and PDF

TAGS